Villa Reale Monza Mostra Progetto Didattico+App. Privati+Belvedere

Viale Brianza, 1 - Monza (Monza Brianza)


5/31/2017


Info

Il piano secondo nobile e il Belvedere Gli appartamenti privati degli ospiti rappresentano gli ambienti più significativi del piano secondo nobile. A queste sale si accede dallo scalone d’onore, un trionfo di marmi con due grandi lampioni in bronzo e ferro dorato con i simboli di casa Savoia (il nodo e il motto Fert). Il visitatore ha modo di visitare quindi l’appartamento degli imperatori di Germania; l’appartamento del principe di Napoli e l’appartamento della duchessa di Genova.La visita si conclude all’ultimo piano, con la vista emozionante sul magnifico parco, da cui l’appellativo di Belvedere, gli spazi, un tempo impiegati come appartamenti della servitù, ospitano dopo il magistrale progetto di restauro affidato dall’arch. De Lucchi, l’esposizione di design La Bellezza quotidiana della Triennale di Milano. Il monumento La storia della Villa Reale di Monza ha inizio con l’arrivo a Milano nel 1771 del nuovo governatore, l’arciduca Ferdinando d’Asburgo, penultimo figlio dell’imperatrice Maria Teresa. L’incarico della costruzione, conferito nel 1777 all’architetto imperiale Giuseppe Piermarini, fu portato a termine in soli tre anni e fu usata dall’arciduca come propria residenza di campagna fino all’arrivo delle armate napoleoniche nel 1796. La caduta di Napoleone riconsegnò la Villa Reale nelle mani degli austriaci.Quando il Lombardo-Veneto venne annesso allo Stato del Piemonte, la storia della Villa finì per incrociarsi inevitabilmente con il destino dei Savoia, diventando residenza privilegiata di re Umberto I e della regina Margherita e ritornando così al suo ruolo originario di residenza di villeggiatura. Il sovrano si affidò alla direzione dell’architetto Majnoni per ornarla, restaurarla e migliorarla secondo il gusto dell’epoca. Fu dunque in quegli anni che la Villa subì una radicale trasformazione di molte delle sue parti.Nel 1900 Umberto fu assassinato proprio a Monza da Gaetano Bresci; in seguito al luttuoso evento il nuovo re Vittorio Emanuele III non volle più utilizzare la Villa Reale, facendola chiudere e trasferire al Quirinale gran parte degli arredi. Da questo momento la Villa cadde in un lungo periodo di abbandono e degrado, da cui rifiorì grazie agli interventi di restauro avvenuti solo nel 2012. Dall’8 settembre 2014 è finalmente visitabile. La storia dell’arte raccontata ai bambini Il progetto “La Storia dell’arte raccontata ai bambini”, posto negli appartamenti degli imperatori di Germania, al Secondo Piano Nobile, è un’avventura nel mondo degli artisti e dei loro capolavori. I bambini hanno la possibilità di incontrare gli artisti e le loro storie attraverso racconti, immagini, suoni ed esperienze. L’obiettivo è che l’arte non sia percepita come una “cosa” da leggere, imparare, guardare, ma diventi un’esperienza da vivere, un gioco da “fare”. Orari Mar-Mer-Gio-Sab-Dom: 10 - 19; Ven: 10 - 22 (Lunedì giorno di chiusura).La biglietteria chiude un'ora primaLink EsterniSito Ufficiale Villa Reale di MonzaInfo ridotto Hanno diritto all'ingresso ridotto speciale rispetto al prezzo intero del biglietto: - Scuole - Minori di 18 anniInfo gratuito Hanno diritto all'ingresso gratuito: - Minori di 6 anni - Disabili e un accompagnatore-Tesserati Icom-Giornalisti con tesserino-Guide turistiche-Due insegnanti per scolaresca- 1 accompagnatore per gruppo di adulti.
Source:

Mappa