Villa Reale Monza Appartamenti Reali

Viale Brianza, 1 - Monza (Monza Brianza)


6/4/2017


Info

Il piano primo nobile Al piano primo nobile di Villa Reale si trovano gli appartamenti Reali di Re Umberto I e della Regina Margherita, dove è possibile osservare il mobilio originale dell’epoca.Nel salotto della regina, fanno bella mostra la tappezzeria di damasco cremisi con disegni portanti motivi floreali, e le quattro porte a vetro poste agli angoli della sala (la sovrana doveva avere totale percezione di chi era presente nei suoi appartamenti). La volta ospita decorazioni dorate con paesaggi ruineschi. Una piccola porta d'ingresso collega direttamente all'appartamento di re Umberto I.L'itinerario comprende la visita agli appartamenti privati dei sovrani con l’ausilio di audioguide. Di seguito sono visibili tutti gli spazi che fanno parte del percorso museale. Il monumentoLa storia della Villa Reale di Monza ha inizio con l’arrivo a Milano nel 1771 del nuovo governatore, l’arciduca Ferdinando d’Asburgo, penultimo figlio dell’imperatrice Maria Teresa. L’incarico della costruzione, conferito nel 1777 all’architetto imperiale Giuseppe Piermarini, fu portato a termine in soli tre anni e fu usata dall’arciduca come propria residenza di campagna fino all’arrivo delle armate napoleoniche nel 1796. La caduta di Napoleone riconsegnò la Villa Reale nelle mani degli austriaci. Quando il Lombardo-Veneto venne annesso allo Stato del Piemonte, la storia della Villa finì per incrociarsi inevitabilmente con il destino dei Savoia, diventando residenza privilegiata di re Umberto I e della regina Margherita e ritornando così al suo ruolo originario di residenza di villeggiatura. Il sovrano si affidò alla direzione dell’architetto Majnoni per ornarla, restaurarla e migliorarla secondo il gusto dell’epoca. Fu dunque in quegli anni che la Villa subì una radicale trasformazione di molte delle sue parti. Nel 1900 Umberto fu assassinato proprio a Monza da Gaetano Bresci; in seguito al luttuoso evento il nuovo re Vittorio Emanuele III non volle più utilizzare la Villa Reale, facendola chiudere e trasferire al Quirinale gran parte degli arredi. Da questo momento la Villa cadde in un lungo periodo di abbandono e degrado, da cui rifiorì grazie agli interventi di restauro avvenuti solo nel 2012. Dall’8 settembre 2014 è finalmente visitabile.
Source:

Mappa