25/05/2016

Italia: edifici curiosi



Il mondo è pieno di strutture insolite e naturalmente anche l’Italia ne possiede. Non ti viene nulla in mente? Non preoccuparti, oggi vogliamo fartene conoscere un paio di luoghi molto curiosi

Villa Palagonia

Villa dei Mostri

Se ti stai chiedendo perché questo edificio storico viene ricordato con questo appellativo, ti diamo noi la risposta. In Sicilia, precisamente a Bagheria (comune di Palermo), si trova Villa Palagonia conosciuta come “Villa dei Mostri”. Questa struttura di ampie dimensioni risale al '700 e fu costruita per il principe di Palagonia. Ciò che caratterizza questa villa è la sequenza di statue mostruose, presenti sul muro che recinta la struttura. Durante la visita si ha sempre la sensazione di essere osservati e di non sfuggire allo sguardo di un centinaio di esseri che proteggono l’antica dimora. Se sei un appassionato di fotografia, non perdere l’occasione di scattare delle foto ai particolari di queste creature, ne rimarrai stupefatto!

Trulli Puglia                    

Trulli

Più conosciuti in Italia, sono invece i Trulli di Alberobello in provincia di Bari. Minuscole capanne di colore bianco, tonde e dal tetto a cono, che continuano a stupire milioni di visitatori. I Trulli, testimoni di una cultura e di una civiltà arcaica e senza tempo, creano un atmosfera tra il fiabesco ed il reale. Alberobello è unico al mondo e Patrimonio dell’Unesco proprio per la presenza di queste bizzarre strutture tutt’oggi in uso. Una curiosità che li caratterizza sono i simboli apposti sul cono. Sono disegnati a mano libera e rappresentano antiche superstizioni e tradizioni. Non puoi perdere l’occasione di visitare questo luogo dove storia, magia e tradizione si mescolano in modo incantevole. 

Fetta di Polenta Torino

Fetta di Polenta

Completiamo il nostro piccolo tour arrivando fino a Torino. Fetta di Polenta, conosciuta così dai torinesi, è una bizzarra struttura che si trova in corso San Maurizio. Alessandro Antonelli progettista della meravigliosa Mole, decise di mette alla prova le sue competenze ideando “Casa Scaccabarozzi” (vero nome dell’edificio). La forma dell’edificio era così anomala e lo è tutt’oggi che l’architetto dovette abitarci per alcuni anni, dal momento che tutti temevano il crollo dell’edificio. Di fatti viene chiamata così, proprio per il particolare colore giallo e la curiosa forma somigliante a una vera fetta di polenta, per le dimensioni sottili (16mX5mX54cm). Non ci rimane allora che augurarti di ammirare un altro capolavoro tutto antonelliano nella città di Torino.

Voglia di vacanze? Fatti guidare da Yamgu, insieme al canguro troverai una vasta scelta di luoghi tutti da scoprire. Scegli la meta, crea il tuo itinerario e parti. 

 


Cristina Torrisi

Comunicazione, storia e politica, le materie che studio. Fotografia e visual marketing le mie passioni. Mi trovate su Facebook , Linkedin e Instagram.



Categorie: italia   viaggi  

Potrebbero piacerti anche