Gerace: il borgo medievale in provincia di Reggio Calabria



La cittadina di Gerace è una meta poco conosciuta ma assolutamente suggestiva della provincia di Reggio Calabria, il suo borgo medievale rappresenta un punto importante per il turismo calabrese. Se vi trovate nelle vicinanze, il nostro consiglio è quello di fare una piccola deviazione e correre a visitarla, non ve ne pentirete! 

Borgo di Gerace

La Costa dei Gelsomini

Gerace si trova sperduta tra le prime alture della Locride, nel Parco Nazionale dell'Aspromonte, sulla costa Ionica della Calabria in una cornice naturalistica che vi lascerà sorpresi:  detta anche Costa dei Gelsomini, dalla tipica coltivazione della pianta di gelsomino diffusa in tutta la provincia reggina, la riviera della Locride è sovrastata da colline di conformazione diverse. La parte montuosa è ricoperta da boschi nei quali prevalgono il faggio, il leccio, il castagno, e la tipica macchia mediterranea. Il litorale, invece, è diventato luogo prescelto delle tartarughe marine "Caretta Caretta" per la nidificazione. 

Se amate il turismo naturalistico e avete una passione per le graziose Caretta Caretta, oltre a Geraci, non possiamo non consigliarvi una visita all'Isola dei Conigli di Lampedusa!

Trovate i nostri suggerimenti qui:

La Spiaggia dei Conigli di Lampedusa: dove nidificano le Caretta Caretta

Percorrere in auto questo territorio così diversificato e intrinsecamente bello vi ripagherà del viaggio e renderà più sopportabile resistere alle alte temperature, la zona infatti è particolarmete calda in estate: vi consigliamo di attrezzarvi con tanta acqua e crema solare! 

Il nome “Gerace” deriva dal greco (la regione era infatti parte della Magna Grecia) e significa “sparviero". La particolaraità del nome deriva probabilmente dalla sua posizione, la cittadina di Gerace è arroccata su una rupe, composta da conglomerati di fossili marini. Il centro urbano, in particolare è composto da un borgo antico, ricco di chiese, palazzi d'epoca e vani, un tempo abitazioni o botteghe, scavati direttamente nella roccia. La città gode di un'ampia visuale su gran parte del territorio della Locride. Arrivati nei pressi della rocca, seguite la strada principale che porta alla parte alta della città, al termine della stessa troverete un ampio parcheggio, da qui potrete ammirare il paesaggio circostante grazie ad una terrazza panoramica, scattare qualche foto, e poi dirigervi a piedi verso il borgo (la camminata è breve ma in pendenza). 

Il Borgo Medievale

Il borgo di Gerace, in Calabria, nacque nel VII secolo e conobbe varie dominazioni, ognuna delle quali lasciò il proprio segno: il borgo ha un’amima normanna e bizantina composta da antiche strutture che ne testimoniano la sua nobiltà storica, come conventi, monasteri ed edifici sacri. Camminando attraverso un reticolo di cortili, attraverserete i tre nuclei principali della città: la Città Alta, il Borgo Maggiore e il Borghetto. Con una breve passeggiata potrete ammirare il Castello (i ruderi di origini bizantine si trovano nella parte alta, poichè svolgeva un ruolo di difesa nei confronti degli attacchi Arabi), la Cattedrale, la Chiesa di San Francesco, una serie di piccole chiese probabilmente di origine bizantina, oltre che numerose costruzioni civili di varie epoche e stili architettonici.

Il Borgo Medieoveale nella Città Alta di Geraci

panorama dal borgo di Geraci

La Cattedrale

La Cattedrale di Gerace appare come una fortificazione, ed è stata restaurata recentemente. La struttura è divisa in due parti distinte di cui una corrispondente alla Cripta e l'altra alla Basilica vera e propria. La cosiddetta cripta "ad oratorium" (le Catacombe), caratterizzata da 26 colonne romane del IV-III secolo, si trova nella parte inferiore dell'edificio ed ha un andamento a T, qui è custodito il tesoro della Cattedrale, di maggior rilievo lo assume la Croce reliquario in filigrana d’ oro, zaffiri smeraldi. La cripta ospita anche il Museo Diocesano, con una raccolta che comprende numerosi suppellettili ed arredi provenienti dalla Cattedrale e da altri luoghi di culto e confraternite del territorio diocesano. La Basilica superiore è ricca di decori, come un nobile altare in marmo e colonne e capitelli che provengono dalle rovine della Locri magno-greca. 

Poco distante si trova il palazzo municipale ricco di decori marmorei, e alcune suggestive piazzette in cui riposarsi all'ombra. Termiato il tour, per rinfrescarvi, vi consigliamo di provare una granita al gelso, vera prolibatezza della zona! Se invece siete pronti per l'aperitivo, non potrete fare a meno di assaggiare l' "oro nero" di Gerace: prelibato vino al bergamotto, che viene prodotto esclusivamente in questa zona. 

 



sources:
http://www.tropeaholiday.it/gerace.php
http://www.marcopolo.tv/articoli/gerace/
http://www.locride.altervista.org/gerace.htm

https://it.wikipedia.org/wiki/Gerace

https://it.wikipedia.org/wiki/Costa_dei_Gelsomini


Alessandra Scalvini

Categorie: borgo   calabria