Gubbio, tra storia e bellezza



Gubbio è una delle più belle cittadine del territorio dell'Umbria, non lontana da Assisi è anch’essa legata agli episodi della vita di San Francesco. La città di origine antica, anzi antichissima (le prime forme d’insediamento nel territorio di Gubbio sono, infatti, risalenti al paleolitico), è situata alle falde del monte Ingino.


Una delle particolarità che caratterizzano Gubbio è la sua disposizione territoriale. La città si mostra, infatti, come un agglomerato su più livelli che seguono la naturale pendenza delle colline. Questo la porta a essere sicuramente una meta impegnativa per chi non fosse abituato a buone camminate, ma le regala grande fascino e permette ai visitatori di godere della vista di splendidi paesaggi fotografici.

Camminare è sicuramente il modo migliore per respirare l’atmosfera storica della città, ma niente paura! Se sei un inguaribile pigrone o se stai visitando Gubbio con i bambini e anche i tuoi, come il mio, alzano le braccia al cielo e dicono "mamma...non mi piacciono le salite! [segue sguardo da gatto coccolone a cui non puoi dire di no..] allora sappi che sei salvo! Il Comune di Gubbio ha pensato anche a questo e puoi visitare la città "a livelli" prendendo degli ascensori gratuiti. Facile no?

Il Teatro Romano di Gubbio

Prima di salire verso il centro storico, ai piedi della città è possibile visitare l’antico Teatro Romano (I secolo d.C.). Situato al centro di un grande parco, la struttura si compone di una duplice serie di arcate e da un colonnato che forma un portico tutt'attorno alla sommità delle gradinate. Il teatro, ancora oggi, ospita nelle sere d’estate spettacoli e rappresentazioni.

Gubbio e il suo centro storico medievale

Addentrandosi nella città, seguendo i vicoletti tortuosi che la caratterizzano, si raggiunge il centro storico di origine medievale. Noi abbiamo deciso di iniziare la nostra visita da Piazza Grande, realizzata nel 1321. Questa piazza, oltre ad essere il punto d’incontro dei quattro quartieri cittadini, è anche in una posizione sopraelevata rispetto a buona parte del centro (le fotografie sono assicurate). Questa sua caratteristica la rende uno dei luoghi migliori da cui ammirare il panorama e la valle sottostante. Sulla stessa si affacciano il Palazzo dei Consoli e il Palazzo del Pretorio (ora sede del municipio).

Il Palazzo dei Consoli, simbolo della Gubbio medievale, fu edificato tra il 1332 e il 1337. La sua struttura, elegante e imponente, ha pareti lisce e semplici ornate da finestre con archi a tutto sesto. Un portale in stile gotico favorisce l’accesso all'ampio salone d'ingresso, destinato nel Medioevo alle adunanze cittadine. All’interno del palazzo è allestito il Museo Civico di Gubbio. Molto importante per la storia della regione Umbria, è sicuramente una tappa obbligata per chi voglia comprendere meglio le origini storiche della regione. Il Museo Civico, infatti, conserva le famose tavole eugubine, sette lastre di bronzo scritte in umbro, rinvenute nei pressi del Teatro Romano, queste rappresentano il più importante reperto legato ai riti religiosi di tutta l’antichità classica.

Gubbio città dei Matti

Lasciamo Piazza Grande attraverso via dei Consoli, una delle più antiche vie della città. Anche in questa via non si può fare a meno di osservare la bellezza dei numerosi palazzi gotici ricchi di storia. Uno dei più importanti è sicuramente il Palazzo del Bargello.

Alla fontana nella piazza davanti al palazzo, la cosiddetta "Fontana dei Matti" (il nome originale è "Fontana del Bargello"), è legata una curiosa tradizione folcloristica, quella della "patente da matto". Gubbio, infatti, è anche detta la “città dei matti”. L'origine folcloristica di questa diceria sembra derivare dall'imprevedibilità dei suoi abitanti. Chi compie tre giri di corsa intorno alla fontana acquisisce la  “patente da matto ”, titolo onorario, che però si può avere solo se un abitante di Gubbio testimonia l'avvenuta "pazzia". L'eugubino prende quindi dell'acqua dalla fontana e ti benedice. Ecco, ora sei matto anche tu! ;-P


Proseguiamo il nostro giro e arriviamo a Palazzo Ducale. Il Palazzo Ducale si trova in uno dei punti più alti del centro; da qui si gode una fantastica vista sulla città e sulla vallata e sulla Basilica di Sant'Ubaldo, protettore della città.

Sono tante le cose da vedere a Gubbio, tante che è difficile visitarla in un giorno. Qui dalla zona di Palazzo Ducale parte un nuovo percorso alla scoperta della città, se così vogliamo definirlo si tratta di un percorso più mistico, luoghi religiosi, come la Basilica di Sant'Ubaldo, che sono protagoniste centrali della storia di Gubbio.

Ne parliamo in questo percorso:

La Basilica di Sant'Ubaldo e i luoghi di Don Matteo


La Crescia di Gubbio, cibo gustoso e veloce

Camminare, com’è noto, mette appetito! Ok, forse è una scusa per cominciare a unire viaggio a gastronomia locale. Comunque sia il buon cibo a Gubbio, come in tutta la regione dell'Umbria, non manca. Un piatto tipico da poter mangiare al volo per non fermarsi troppo a tavola, col rischio di non riuscirsi ad alzare più, è la Crescia; cotta nel forno a legna è qualcosa che sta fra il pane arabo, una focaccia e una tigella grande come una pagnotta... questa viene poi farcita con salumi tipici o carni grigliate e verdure, insomma come la si vuole! Provare per credere! Noi ne abbiamo prese alcune strada facendo, e abbiamo deciso di gustarle sotto il fresco degli alberi di Parco Ranghiasci; luogo ideale per ammirare il panorama e rilassarsi e, con il caldo per ripararsi dal sole facendo una tranquilla passeggiata fra gli alberi.


I dintorni di Gubbio

Uno dei luoghi più vicini a Gubbio è senz'altro Perugia.

La distanza Gubbio Perugia è di appena 55 km che si percorrono via statale SS318 in circa 45 minuti di strada.

Se vuoi arrivare a Perugia e farti tentare dal famoso e goloso cioccolato ecco qui un percorso per te:

10 Cose da Vedere a Perugia

Se volete proseguire la vostra visita nei dintorni di Gubbio, a mezz’ora dal centro si può raggiungere il Parco regionale del Monte Cucco (uno dei luoghi più panoramici dell’Italia centrale) e il Parco regionale del Monte Subasio. Oppure, è possibile recarsi a visitare i piccoli borghi situati fuori dalle mura e poi, spostandosi di pochi chilometri, raggiungere Umbertide, Città di Castello, Perugia e Assisi.

Con qualche chilometro in più, circa un’ora di macchina, si può anche raggiungere il Lago Trasimeno, dove potrete trovare numerosi borghi, tra cui: 

Passignano sul Trasimeno


sources:
http://www.settemuse.it/viaggi_italia_umbria/perugia_gubbio.htm
http://www.diarioinviaggio.it/2014/09/03/cosa-vedere-a-gubbio/
https://www.viaggionelmondo.net/22912-cosa-vedere-gubbio-weekend/

http://www.funiviagubbio.it/home.asp

http://www.turistiaognicosto.com/2013/06/gubbio-cosa-vedere.html

Photo credits:

Fontana dei Matti: Cristina Borsari


Ester Liquori

Categorie: umbria   gubbio