Cosa vedere a Milano (Milano)

Capitale economica, della moda e del design italiano, famosa per l’happy hour, il calcio e l’ambiente cosmopolita: alzi la mano chi è passato almeno una volta (ma sempre di corsa) da Milano. In tre giorni, però, l’avete mai vista? Scoprite cosa vedere e fare a Milano quando la toccata e fuga in centro non vi basta più.

L’ABC di una visita a Milano impone come prima tappa un tuffo nell’antica storia della città. Noioso? Provate un giro tra le torri e i cortili del Castello Sforzesco, esploratene i passaggi segreti o salite sulle merlate e vi ricrederete! Tra i pezzi forte delle collezioni museali oggi ospiti di questa antica fortezza, la Pietà Rondanini di Michelangelo e la volta affrescata da Leonardo nella celebre Sala dell’Asse, restaurata e da poco riaperta per Expo 2015, che vi darà l’illusione di trovarvi in un vero giardino. 

Se non ne avete avuto abbastanza di arte, tenete d’occhio le mostre in corso alla Triennale di Milano, all’ interno di Parco Sempione. 

La giornata non può che proseguire nel cuore della storia meneghina, tra i negozi esclusivi della Galleria Vittorio Emanuele II, che il recentissimo restauro vuole riportare a essere il salotto di Milano.

Non stupitevi di vedere piroettare file di turisti al centro della galleria. Si dice che porti fortuna porre il piede sopra gli attributi del toro raffigurato in scherno alla città di Torino e compiere una rotazione completa ad occhi chiusi facendo perno su quel piede. Provate e fateci sapere se il rito ha funzionato anche per voi!

Merita una visita completa, sia all’interno che all’esterno, il Duomo, la cattedrale gotica con la famosa Madonnina che domina lo skyline di Milano. Consiglio del canguro: salite sulle Terrazze al tramonto per un panorama mozzafiato, da fotografare (e condividere) subito. 

Arte, Moda e Teatro

Se vi chiedete cosa non si possa perdere quando si visita Milano in 3 giorni, la risposta è il Cenacolo Vinciano, il dipinto dell’Ultima Cena di Leonardo custodito nel refettorio della Chiesa di Santa Maria delle Grazie. La seconda cosa da sapere è che è obbligatoria la prenotazione

In zona si trova anche la splendida Basilica di Sant’Ambrogio, dedicata al Santo patrono che Milano e i milanesi festeggiano il 7 dicembre, concedendosi forse l’unico momento di pausa dalla continua corsa lavorativa. 

Il Bacio di Hayez, Il Quarto Stato di Pelizza da Volpedo, il Cristo morto di Mantegna sono solo alcune delle opere più celebri della Pinacoteca di Brera, galleria nazionale d'arte antica e moderna che oltre alle permanenti è sede di mostre temporanee. 

Il must per i maniaci del fashion è il Quadrilatero della Moda, la zona tra via Montenapoleone, via della Spiga, via Manzoni e Porta Venezia dove si concentrano boutique, negozi di lusso e showroom.

Oltre a qualsiasi firma della moda, vi capiterà di certo di avvistare modelle e qualche VIP. State all’occhio!

Dal trendy all’eleganza neoclassica della Scala, il prestigioso teatro che è stato il cuore dell’opera lirica italiana, con autori importanti da Verdi a Toscanini, dove da oltre 200 anni si esibiscono artisti di fama mondiale. 

Il Futuro di Milano 

Dalle invenzioni del passato ai quartieri del futuro, come l’isola, vicino alla stazione di Porta Garibaldi, che con la nascita di Piazza Gae Aulenti sta vivendo una seconda giovinezza, con negozi e ristoranti all’ultima moda. Qui domina la Unicredit Tower, il grattacielo più alto d’Italia, e si possono ammirare i grattacieli che danno forma al nuovo skyline di Milano: il Diamantone, il Grattacielo Pirelli e il Palazzo Lombardia. Particolarissimo, poi, il Bosco Verticale, così chiamato in nome degli alberi che verranno impiantati a ognuna delle due torri del complesso, che ha vinto il premio di grattacielo più bello al mondo nel 2014.

Cosa fare la sera a Milano: Navigli, Blue Note, Zelig Cabaret, Mercato Metropolitano

L’anima della “Milano da bere” in fondo non si è persa del tutto. Anche oggi la vita notturna è vivace e potete scegliere tra i locali della rinata zona dei Navigli, suggestiva anche di giorno, dove si sta affermando come nuovo centro della vita mondana milanese il Mercato Metropolitano, ha portato in città da Expo. In questo mercato di 15 mila mq c’è veramente di tutto e per ogni fascia di prezzo. Street food e spiecialità regionali la fanno però da padrone e a fine serata il cibo avanzato viene recuperato dai volontari del Banco Alimentare, per evitare sprechi, e consegnato alle circa 240 strutture caritative milanesi associate. Se poi avete voglia di vedere un film a cielo aperto, il Cinema Metropolitano ospitato nell’anfiteatro del Mercato è la scelta giusta.