Duomo di Gubbio

Via Federico da Montefeltro (Gubbio)


La Cattedrale dei Santi Mariano e Giacomo è il principale luogo di culto cattolico di Gubbio, chiesa madre della diocesi omonima.
È dedicata ai santi Mariano e Giacomo, martiri a Lambaesis in Numidia, le cui reliquie sono conservate sotto l'altare centrale.

Storia


L'attuale Cattedrale in stile gotico, la cui costruzione è iniziata verso la fine del XII secolo per iniziativa del vescovo Bentivoglio, è costruita al posto del Duomo precedente, la cui costruzione è antecedente all'anno Mille. Terminata nelle sue forme essenziali nel 1241, essa ha subito rimaneggiamenti nel corso del XVI e XVIII secolo: lavori di restauro effettuati tra il 1913 e il 1918 hanno ripristinato internamente l'aspetto originale, eliminando le sovrastrutture tardo-barocche, mentre l'aspetto esterno è ancora quello gotico originale.

Descrizione

La facciata fu realizzata durante l'episcopato di Pietro Gabrielli (1326 - 1345), che alla morte si fece tumulare in una nicchia nel lato interno della stessa. Presenta un portale a sesto acuto, sopra il quale è una grande finestra attorniata da cinque bassorilievi del XIII secolo raffiguranti i simboli dei quattro evangelisti e l’Agnus Dei. Affianca l'edificio una robusta torre campanaria medievale.
L'interno si presenta nella caratteristica struttura eugubina, ad un'unica navata ritmata da una sequenza trasversale di dieci imponenti archi ogivali, soffitto a capriate, e coro rettangolare con abside . I recenti lavori di restauro hanno portato alla scoperta di un sepolcro di stile gotico, di due statue di pietra raffiguranti dei santi e soprattutto dell'altare originario, costituito da un sarcofago d'epoca romana abbellito nel medioevo da colonnine di marmo rosa: in questo sarcofago sono le reliquie dei santi titolari della cattedrale. Sopra l'altare è un importante Crocifisso in legno del XIII secolo.
Sono diverse le cappelle laterali con numerose opere d'arte, tra cui quelle di Benedetto e Virginio Nucci (Madonna con Bambino e Santi), Dono Doni, Antonio Gherardi (Nascita della Vergine), Sinibaldi Ibi, Giuliano Presutti; altre importanti opere ed oggetti di culto sono conservati nell'annesso museo della cattedrale. La chiesa ospita anche due organi del XVI secolo.
È opera recente (Augusto Stoppoloni 1916-1918) la decorazione dell'abside e dell'arco trionfale, nonché di alcune cappelle laterali.
La pavimentazione risale al XVI secolo e fu realizzata durante l'episcopato di Federico Fregoso.

Gemellaggio


La parrocchia di Villa Garibaldi, frazione del comune di Roncoferraro in provincia di Mantova, si è gemellata con la diocesi di Gubbio, dalla quale ha ricevuto aiuti economici per i restauri alla chiesa dei santi Giacomo e Mariano, causati dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012. Il gemellaggio fa riferimento ai santi Giacomo e Mariano martiri, le cui spoglie mortali sono custodite sotto l'altare maggiore della cattedrale di Gubbio. La chiesa di Villa Garibaldi è stata riaperta al culto il 13 settembre 2014. Nell'occasione è stata collocata una lapide, che ricorda il gemellaggio con Gubbio.
Source:

Wikipedia



Your saved POIs organized on a map based on your interests, opening hours and weather!