Torre Civica

Piazza del Duomo (Trento)


La Torre Civica di Trento, in origine, faceva parte del mastio di Palazzo Pretorio. Le sue fondamenta hanno origine dai resti della Porta eronensis e la sua esistenza è documentata a partire dalla fine del XII secolo. Dagli stili si nota che fu costruita almeno in tre riprese. Sul lato di Piazza Duomo un orologio ne caratterizza la facciata. La Torre è alta 43 metri e si estende su 12 piani.

Purtroppo al momento non è visitabile.

La Torre ospitava le carceri cittadine perché situata vicino a quello che all'epoca era il tribunale. I carcerieri fino al termine del XV secolo erano ufficiali vescovili mentre poi furono comunali. Al suo interno'erano due campane. Una più grande, detta "della renga", che veniva suonata per convocare il consiglio generale della città e per avvertire che il giudice cittadino dava inizio alle proprie sedute,  l'altra, più piccola, detta “della rason”, destinata a regolamentare i tempi delle funzioni giudiziarie celebrate nel vicino Palazzo pretorio e ad avvertire la popolazione in occasione di incendi. Entrambe rinnovate nel 1499 la campana piccola è ancor oggi presente sulla Torre Civica. Nel 1545 Gerolamo Fontana, pittore veronese, fu incaricato di affrescare la facciata che dava su Piazza Duomo. Si voleva infatti abbellire la Torre in occasione del Concilio di Trento. Protagonisti degli affreschi furono scene della storia di San Virgilio, patrono di Trento, e Santa Massenzia. Gli affreschi e molte altre decorazioni sono andati perduti nei restauri dell'Ottocento.

 

 



Your saved POIs organized on a map based on your interests, opening hours and weather!