Castiglion Fiorentino
Q 5 °

Scopri i 4 luoghi da visitare a Castiglion Fiorentino

Ammira i luoghi più belli di Castiglion Fiorentino e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.



AGGIUNGI

ESPOSIZIONE ARCHEOLOGICA E PERCORSO ARCHEOLOGICO SOTTERRANEO DI CASTIGLION FIORENTINO

L'Esposizione Archeologica presenta i reperti rinvenuti nel territorio e nell'area del Cassero che permettono di connotare Castiglion Fiorentino come nuovo centro etrusco con testimonianze dalla fine del VII sec. a. C. al Medioevo (sezione Medievale dal 31/10/2008) L'esposizione è corredata da supporti multimediali con ricostruzioni didattiche su varie tematiche. Il percorso archeologico sotterraneo, aperto dall' 11 settembre 2004, presenta vari aspetti dello scavo stratigrafico dalla capanna del VIII sec. a.C. alle torri medievali.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO DELLA PIEVE DI SAN GIULIANO

La Vecchia Pieve è la sede del museo di Arte Sacra della Pieve di San Giuliano. La chiesa ha subito un lungo lavoro di riqualificazione e restauro che ha cercato di riproporre l'ambiente e i manufatti nel loro stato originario. Nel museo è stata prevista dove possibile la ricollocazione delle opere nei siti originari e l'assegnazione a ciascun ambiente di una particolare funzione espositiva secondo il progetto museologico basato sull'anno liturgico. Nel museo sono esposte sia le opere già della Pieve, sia opere raccolte dalle chiese della parrocchia e dal vicariato. Il restauro della Pieve è s


Vai alla scheda


AGGIUNGI

PINACOTECA COMUNALE DI CASTIGLION FIORENTINO

Nata come Mostra d'arte sacra Castiglionese nell'ambito della Esposizione Umbro Toscana, fu inaugurata in un salone all'interno del Palazzo Comunale con la funzione di salvare da furti e danneggiamenti le opere d'arte disperse sul territorio. Si tratta di una raccolta di piccole dimensioni ma molto interessante per il livello qualitativo delle opere. Salvo poche varianti, l'ordinamento della Pinacoteca, realizzato nel 1920 da Alessandro del Vita, è rimasto invariato fino al trasferimento nel Cassero.


Vai alla scheda