Cortona
7 6 °

Scopri i 5 luoghi da visitare a Cortona

Ammira i luoghi più belli di Cortona e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

ANTIQUARIUM DI FARNETA

Il museo è ospitato al pianterreno della casa canonica dell'antica abbazia benedettina di Farneta, che fondata nel IX-X secolo, conserva ancora l'originaria cripta preromanica della chiesa. E' stato costituito per conservare in loco opere d'arte della chiesa ed i reperti archeologici e paleontologici ritrovati nel territorio circostante.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Area Archeologica del Sodo e Tomba di Camucia

Le fasi orientalizzante ed arcaica sono testimoniate dalle grandiose tombe gentilizie a tumulo presenti nella piana cortonese all'incrocio fra le direttrici viarie verso Chiusi e Roma, che confermano, l'esistenza di famiglie aristocratiche di principes latifondisti.
I loro monumenti funerari nel territorio cortonese sono i tumuli di Camucia e del Sodo.
Il complesso del Sodo è stato oggetto negli ultimi anni di straordinarie scoperte. Si sono rinvenuti al suo interno una seconda tomba a camera, oltre a quella già nota dal 1928, con prezioso corredo, appartenente forse a un magistrato e alla sua


Vai alla scheda



AGGIUNGI

MAEC - MUSEO DELL'ACCADEMIA ETRUSCA E DELLA CITTA' DI CORTONA

Il museo è strettamente legato, nella vicenda di formazione e nei successivi sviluppi, alla storia dell'Accademia Etrusca. Conserva ed espone le donazioni dei soci dell'Accademia. Inoltre dal 2005 è stata allestita una nuova sezione archeologica che espone i materiali del territorio di Cortona dalla Preistoria fino al periodo Romano.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO DIOCESANO DEL CAPITOLO DI CORTONA

Il museo ospita a scopo conservativo una raccolta di opere di destinazione religiosa provenienti da chiese della diocesi di Cortona. In particolare celebra il genio locale Luca Signorelli attraverso due opere autografe e altri dipinti eseguiti dal maestro in collaborazione con la bottega. Già nel 1923 fu aperta una esposizione permanente delle opere di Luca Signorelli, alla quale fu poi aggiunta nel 1945 la collezione di oggetti liturgici provenienti dalla cattedrale e da altre chiese della diocesi.


Vai alla scheda