Castel del Piano
B 13 °

Scopri i 4 luoghi da visitare a Castel del Piano

Ammira i luoghi più belli di Castel del Piano e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

ANTIQUARIUM CIVICO DI CASTEL DEL PIANO

Castel del Piano risulta avere antichissime origini, provate anche da numerosi reperti (di età paleolitica e neolitica) rinvenuti negli scavi di farina fossile largamente presenti sul territorio.
 Il comune viene nominato per la prima volta dalle fonti con l'antico nome di ""Casale Plana"" all'interno di alcuni documenti dell'abbazia del Monte Amiata datati anno 890.
Negli anni dal 1175 al 1331 fu possedimento dei conti aldobrandeschi di Santa Fiora. 
Dopo la caduta della Repubblica di Siena, entrò a far parte dei possedimenti di Cosimo de' Medici."


Vai alla scheda


AGGIUNGI

GIARDINO D'ARTE "ARTE A PARTE"

Il Giardino "Arte a Parte" dell'artista Piero Bonacina si trova nel piccolo Borgo di Montegiovi, nei pressi di Castel del Piano. In questo luogo silenzioso e appartato, ombreggiato dalle chiome degli alberi sotto i quali fanno capolino fiori dai vivi colori, il visitatore può fermarsi ad osservare le numerose sculture che sono collocate nel piccolo giardino.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO DELLA VITE E DEL VINO DI MONTENERO D'ORCIA

L'esposizione comprende pannelli con immagini descrittive della cultura della vite e oggetti tradizionali per la viticoltura e la vinificazione. All'interno del museo è possibile trovare anche informazioni su due dei più importanti prodotti tipici del Monte Amiata: la castagna e l'olio extravergine d'oliva.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

RACCOLTA D'ARTE DI PALAZZO NERUCCI

Di provenienza privata, la raccolta si caratterizza per la sua natura fortemente collezionistica, presentando una significativa serie di paesaggi e vedute. Tra le opere esposte spicca tuttavia un altro genere: quello del ritratto. Occorre segnalare infatti il pregiato autoritratto in pastello dell’artista veneziana Rosalba Carriera (1675 - 1757) ed il ritratto di Cosimo III dei Medici, anch’esso di mano femminile, eseguito in ricamo su seta. Nella stessa sala è presente anche un bozzetto di Giuseppe Nicola Nasini acquistato nel 2005 dall’Amministrazione Comunale e la raccolta del pittore Edo C


Vai alla scheda