Fivizzano
2 -2 °

Scopri i 4 luoghi da visitare a Fivizzano

Ammira i luoghi più belli di Fivizzano e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

MUSEO DEL LAVORO NELLA VALLE DEL LUCIDO

Il Museo del lavoro della Valle del Lucido documenta, con oggetti fotografie e filmati, il passaggio dalla agricoltura all'economia industriale con tutte le sue conseguenze storico e culturali.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO DELLA STAMPA JACOPO DA FIVIZZANO

Il Museo della Stampa è stato ideato da Loris Jacopo Bononi e da Eugenio Bononi per ricordare il legame tra la Lunigiana e la stampa. La Collezione è suddivisa in tre sezioni. Le prime due collezioni riguardano la città di Fivizzano e il suo contributo alla storia della comunicazione scritta atraverso la scrittura tipografica e quella meccanica. Nella piccola cittadina lunigianense si cominciò a stampare libri undici anni prima che a Vienna, nove prima di Londra, sette prima di Oxford, Ginevra, Barcellona e cinque prima di Bruxelles. Jacopo da Fivizzano, fra il 1470 e il 1474, impiantò per la


Vai alla scheda


AGGIUNGI

PARCO CULTURALE DELLE GROTTE DI EQUI E MUSEO ARCHEOLOGICO CESARE AMBROSI

Il Parco Culturale Delle Grotte di Equi si compone di un archeoparco, del museo archeologico, buca e grotte (naturalistiche e preistoriche). La visita nel parco è organizzata in percorsi che collegano l'esplorazione naturalistica delle grotte con la parte che riguarda l'insediamento umano del Paleolitico fino all'Neolitico, quando si verificò una importante utilizzazione umana delle grotte. Si tratta di una esposizione moderna che privilegia il messaggio all'oggetto. Pertanto si è scelto di non esporre, anche per gravissimi problemi di umidità del sito, oggetti originali ma un insieme di diseg


Vai alla scheda


AGGIUNGI

RACCOLTA D'ARTE SACRA DELL'EX CONVENTO DEGLI AGOSTINIANI

Il Museo parrocchiale fu fondato con il desiderio di raccogliere opere ed oggetti di valenza artistica e storica allo copo preminente di evitare la naturale, continua dispersione di un patrimonio considerato collettivo e di interesse eccezionale, per poi metterlo a disposizione del pubblico con finalità di studio e di cultura.


Vai alla scheda