Ozieri

Scopri i 9 luoghi da visitare a Ozieri

Ammira i luoghi più belli di Ozieri e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Cattedrale dell'Immacolata (Ozieri)

La chiesa di Santa Maria Immacolata è il duomo di Ozieri e cattedrale della diocesi ozierese.

Cenni storici

La chiesa è frequentemente menzionata dal XV secolo, ma le origini dell'edificio sono più antiche. Dal '400 i vescovi di Bisarcio stabiliscono la loro dimora proprio nel rione attiguo al tempio (visto il graduale e inesorabile declino del borgo medievale di Bisarcio, dove si trovava la cattedrale), che nel 1437 ospita un sinodo diocesano. Con la soppressione delle diocesi di Castro e Bisarcio nel 1503, Santa Maria di Ozieri diventa la chiesa più importante del vicariato e nel 1550 viene s


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Chiesa di San Francesco (Ozieri)

La chiesa di San Francesco è un luogo di culto situato nell'abitato di Ozieri.

Storia

L'edificio è ubicato ad ovest del centro storico, nel rione Cuzzolu, annessa al convento di San Francesco dei minori osservanti, fu edificata in gotico–aragonese (di cui resta traccia all'interno) a partire dal 1528, cioè la data del trasferimento dei frati nell'insalubre convento fondato nel 1470 presso la Madonna del Loreto, situato a valle della città.
Sembrerebbe che fino al 1570 la chiesa fosse intitolata ai santi Cosma e Damiano, per poi preferire l'intitolazione attuale a san Francesco, nella costruzione


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Chiesa di Santa Lucia (Ozieri)

La chiesa di Santa Lucia è un luogo di culto cattolico del centro storico di Ozieri, sede dell'omonima parrocchia, situato in piazza Santa Lucia.

Storia e descrizione

La chiesa di Santa Lucia fu progettata in stile neoclassico dall'ingegnere Carlo Martinetto, mentre la direzione dei lavori fu condotta dall'ingegnere del Genio civile Domenico Guidetti assistito dal signor Fortunato Vacca.

Nel disegno della facciata è evidente il debito nei confronti della facciata della chiesa di San Rocco, opera dell'architetto romano Giuseppe Valadier, a sua volta mutuata da esempi palladiani.
La costruzione del



Vai alla scheda


AGGIUNGI

CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO

Il Museo archeologico Le Clarisse è ospitato all'interno del settecentesco edificio ex Convento delle Monache Clarisse e conserva una ricca collezione di reperti di varie epoche, dal Neolitico al Medioevo. Di particolare rilevanza la collezione numismatica, tra le più ricche della Sardegna.

Info dettagli biglietti:
Adulti: 5,00€
Ragazzi fino a 12 anni e adulti oltre 60 anni: 2,50€
Diversamente abili: gratuito
Gruppi oltre 10 persone: 2,50€ a persona
Studenti di ogni ordine e grado: 2,50€ a persona
Gruppi organizzati: biglietto unico da concordare


Vai alla scheda


AGGIUNGI

GROTTA DI SAN MICHELE

La grotta di S. Michele di Ozieri, nei pressi dell'abitato, sprofonda nel calcare per un'ottantina di metri ed è articolata in sale e cunicoli tappezzati di stalattiti, alimentate da piccole gocce d'acqua. In parte distrutta, fu riutilizzata sia come abitazione, sia come luogo di culto e necropoli, a sepoltura ipogea, scavata nella roccia e destinata a tomba collettiva, detta "domus de janas" (casa di fate). Da questa grotta prende il nome la cosiddetta cultura di "Ozieri" o di "San Michele", inquadrata nel Neolitico finale in Sardegna, tra il 3.200 e il 2.800 a.C. I materiali ceramici rinvenu


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO DEL MOLINO GALLEU

Dal 1922 la Ditta Galleu ha iniziato ad occuparsi di molitura di cereali, impiantando un mulino a palmenti azionato a gas-polvere (carbone). Nel 1984 viene costruito il nuovo Molino concepito per soddisfare le esigenze di mercato più ampie, sia in termini di qualità che di quantità. Grazie alla perseveranza, alla ricerca ed alla cura nella raccolta della macchine, utensili ed ogni altro attrezzo che atteneva alla professione di mugnaio, si sono potute conservare quella apparecchiature, strumenti ed attrezzi, che consentono, oggi, di realizzare un museo ricco di storia e tradizioni. Da diversi


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO TAVERNA DELL'AQUILA

Giuseppe Saba, nativo di Ozieri,  ha raccolto, salvandoli da una sicura dispersione, una notevole quantità di oggetti di uso comune legati alla civiltà contadina e alle antiche botteghe artigianali ozieresi. La Taverna dell'Aquila, un'esposizione a metà strada tra una taverna e un museo etnografico, prende il nome da un'emblematica aquila impagliata, dono della famiglia dell'illustre pittore ozierese Giuseppe Altana. Il tema del percorso riguarda le attività artigianali, la civiltà contadina, il collezionismo enologico e la mineralogia. Degna di nota la raccolta di minerali e fossili prov


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Pont'ezzu

Pont'ezzu (Ponte Vecchio, in sardo logudorese) è uno dei tre ponti romani che consentivano l'attraversamento del Rio Mannu, in territorio di Ozieri.

Cenni storici

Il ponte risale presumibilmente al I secolo d.C., con un importante restauro in epoca tardo imperiale, III-IV secolo d.C., ed infine rimaneggiamenti di epoca medievale. L'archeologa Paola Basoli ipotizza che il ponte, al pari degli altri dell'area, possa essere stato realizzato dalla armata romana di stanza nel vicino "castro" di "Luguido" (Oschiri).
Ancora fino a pochi decenni fa, questo ponte consentiva anche agli automezzi di attrav


Vai alla scheda