Treia
7 4 °

Scopri i 3 luoghi da visitare a Treia

Ammira i luoghi più belli di Treia e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

ACCADEMIA GEORGICA TREIA

Nel XV secolo viene istituita a Treia l'Accademia dei Sollevati, a carattere letterario, che nel '700 si trasforma in un centro di studi agrari, da cui deriva l'appellativo attuale di "georgica". Scopo delle numerose sperimentazioni agrarie, teoriche e pratiche degli Accademici fu quello di sottrarre il mondo agricolo dello Stato Pontificio dalla grave arretratezza che lo caratterizzava. Unica nel suo genere in tutto lo Stato Pontificio, l'Accademia poteva vantare, sul finire del Settecento, soci illustrissimi, numerosi prelati e cardinali. Sede dell'attuale Museo è un Palazzo restaurato dal V


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO

Allestito presso il Convento di San Francesco, al suo interno sono conservati numerosi frammenti scultorei, elementi architettonici ed iscrizioni che testimoniano le diverse fasi evolutive della Trea romana e lo stretto legame con l'Oriente, in particolare con l'Egitto.
Tra i materiali di maggior pregio si ricordano due teste-ritratto, una statua togata acefala e una testina di Mercurio. Di assoluto rilievo la testa del Dio Serapide, appartenente certamente al grande simulacro di culto del Serapaeum treiense. Il Museo si articola in tre stanze: la prima è corredata da una planimetria dell'insed


Vai alla scheda


AGGIUNGI

PINACOTECA COMUNALE

La Pinacoteca Comunale è ospitata nella Sala del Consiglio, nella Sala degli Stemmi e negli altri locali che costituiscono il Piano Nobile del Palazzo di Città.
Accoglie una serie di ritratti sette e ottocenteschi degli esponenti più in vista della nobiltà treiese e dipinti di pittori illustri di scuola romana e di scuola veneta quali Pietro Tedeschi (sec. XVIII), Antonio Balestra e Agostino Bonisoli (sec. XVII). La grande tela del Bonisoli che raggiunge la ragguardevoli misure di 6x5 metri, datata 1673, raffigura il martirio dei protomartiri francescani da parte del re del Marocco ed è stata r


Vai alla scheda