Caserta
2 2 °

Scopri i 12 luoghi da visitare a Caserta

Ammira i luoghi più belli di Caserta e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Acquedotto Carolino

L'acquedotto Carolino (noto anche come acquedotto di Vanvitelli) è l'acquedotto nato per alimentare il complesso di San Leucio e che fornisce anche l'apporto idrico alla Reggia di Caserta (o meglio alle "reali delizie" costituite dal parco, dal giardino inglese e dal bosco di San Silvestro), prelevando l'acqua alle falde del monte Taburno.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Archivio di Stato di Caserta

L’Archivio di Stato di Caserta “nasce” con l’attuale denominazione per effetto del D.P.R. 30 settembre 1963: riacquistava, in tal modo, la propria individualità un Istituto funzionante come “Archivio Provinciale di Terra di Lavoro” fin dal 1818 e che, in epoca fascista, con la temporanea soppressione della provincia, era stato declassato a “sezione” dell’Archivio di Stato di Napoli, restando tale anche quando la provincia venne ricostituita nel 1945. Dal 2002 è stata destinata a sede dell'Archivio l’emiciclo vanvitel


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Belvedere di San Leucio

Il Belvedere di San Leucio è un complesso monumentale considerato, insieme al Palazzo Reale di Caserta ed all'Acquedotto del Vanvitelli, Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. L'utopia di Re Ferdinando di dar vita ad una comunità autonoma (chiamata appunto Ferdinandopoli) lascia a Caserta il Belvedere di San Leucio, i suoi appartamenti reali, il giardino all'italiana e l'annesso Museo della Seta, dove è possibile visitare i macchinari del Settecento col quale si tesseva la seta diventa


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Casertavecchia

Casertavecchia (frazione di Caserta) è un borgo medievale che sorge alle pendici dei monti Tifatini a circa 401 metri di altitudine e a 10 km di distanza in direzione nord-est da Caserta. In epoca medievale costituì il centro di Caserta. Dal 1960 è tra i monumenti nazionali italiani.

Il borgo di Casertavecchia è meta di interesse turistico per via del Duomo, del campanile, dei resti del castello e delle strade dell'intero borgo che ricordano lo splendore di un tempo che fu.

Il notevole p


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo

La cattedrale di San Michele Arcangelo è caratterizzata da un'ampia scalinata in pietra di Bellona e si articola in due ordini. Le due nicchie presenti nella parte alta della facciata ospitano le statue in gesso di San Michele Arcangelo a sinistra e San Sebastiano a destra.

Il percorso sotterraneo delle cripte si conclude in un piccolo giardino pergolato, luogo di sosta e di preghiera.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo di Casertavecchia

La chiesa di San Michele Arcangelo, anche conosciuta come Duomo, è il principale luogo di culto cattolico di Casertavecchia.

La chiesa rappresenta un episodio esemplare del periodo romanico inCampania in quanto presenta contemporaneamente influssi provenienti dallaSicilia con altri provenienti dal romanico e dalla tradizione paleocristiana.

Troviamo così caratteri e soprattutto elementi decorativi derivati dal complesso stile architettonico presente nel romanico di Sicilia in cui convivevano elementi norm


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo "Michelangelo"

Il Museo conserva ed espone oggetti legati al mondo naturale, alla scienza e alla tecnologia raggruppati in sezioni: mineralogia (rocce e minerali), scienze pure (chimica, fisica, scienze naturali, metà XIX – metà XX sec.), topografia (strumenti e attrezzi dalla metà del XIX secolo agli anni Settanta del XX), storia della topografia (riproduzioni funzionanti degli strumenti per la misura del terreno dall’Antichità al Tardo Rinascimento), macchine di calcolo (fine XIX – fine XX secolo), modelli didattico–scientifici (1920 – 1970), storia


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo d'Arte Contemporanea

La mission del Museo è profondamente legata al territorio, alla storia ed agli artisti che in esso hanno operato; essa infatti si pone l’obiettivo di ripercorrere le tappe storiche dell’arte contemporanea in Terra di Lavoro dal dopoguerra ad oggi. A questa mission è stata affiancata una visione più aperta che sia in grado di veicolare sul territorio le nuove tendenze dell’arte contemporanea. In ciò è fondamentale il rapporto con il territorio. Il luogo prescelto per l’allestimento della collezione permanente è il Centro dei Serv


Vai alla scheda