Lamezia Terme
7 8 °

Scopri i 4 luoghi da visitare a Lamezia Terme

Ammira i luoghi più belli di Lamezia Terme e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Archivio di Stato di Catanzaro. Sezione di Lamezia Terme

Istituita con d.m. 12 apr. 1954 a decorrere dal l° gennaio dello stesso anno come Sottosezione di Archivio di Stato, dipendente dall'AS Catanzaro, fu trasformata in Sezione di Archivio di Stato con d.m. 31 mar. 1965 e decorrenza 1° mag. 1965. Conserva solo materiale proveniente dall'archivio notarile distrettuale di Nicastro, comune soppresso insieme ai comuni di Sambiase e Sant'Eufemia Lamezia nel 1968: ad essi subentrò il comune di Lamezia Terme, Gli archivi di uffici e magistrature, giudiziarie e amministrative, che operarono nel territorio, si trovano nell'AS Catanzaro.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Ecomuseo Luogo della Memoria

La ricca raccolta di Umberto Zaffina, allestito in due vecchie abitazioni comunicanti, conserva suppellettili di uso domestico ed attrezzi da lavoro appartenenti ad artigiani e contadini locali operanti fino il 1940. L'allestimento è stato concepito con la finalità di riproporre, in spazi architettonici rimasti pressoché inalterati, le attività del falegname, del fabbro, del bottaio, del calzolaio, del muratore, del barbiere. Interessanti sono inoltre gli ambienti della cucina, del pranzo e del letto dove, tra gli altri oggetti, sono esposti: due stampi per dolci in pietra, alcune reggi-brocch


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo Archeologico Lametino

Il museo Archeologico Lametino raccoglie le testimonianze archeologiche provenienti dal territorio della piana lametina, dal periodo preistorico a quello medievale.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo Diocesano di arte sacra

Il Museo è ubicato al primo piano del Palazzo del Seminario Vescovile di Lamezia Terme ed è stato inaugurato nel 1998. E' strutturato in sette sezioni, nelle quali sono esposte sculture lignee databili al XVI secolo, dipinti della Scuola roglianese, oltre che paramenti liturgici e suppellettili sacre in argento per lo più provenienti da botteghe meridionali e locali, realizzati in un arco di tempo che va dal XV al XX secolo; alcune importanti testimonianze provengono dalle antiche diocesi di Nicastro e Martirano.


Vai alla scheda