Merano/Meran
2 -5 °

Scopri i 7 luoghi da visitare a Merano/Meran

Ammira i luoghi più belli di Merano/Meran e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

CASTELLO PRINCIPESCO

Il viaggio al Castello ci conduce sulle tracce del suo primo signore, il duca Sigismondo d'Austria, che lo volle, forse, come abitazione cittadina (seconda metà del XV secolo). Per tutto il Cinquecento il Castello rimase una residenza principesca; nel 1516 vi soggiornerà addirittura l’imperatore Massimiliano I. Nel corso dei secoli l’edificio cadde progressivamente in abbandono. Nel XVII sec. continuò ad essere utilizzata solo la cappella per la celebrazione di messe. In seguito alle guerre napoleoniche il Tirolo divenne possedimento bavarese. Il nuovo governo cedette il Castello ai principi T


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO CIVICO DI MERANO

Il museo vanta di una collezione di rilevanza storico-culturale, con reperti preistorici della Val Venosta e della Val Passiria, minerali, manufatti di artigianato artistico di Merano e dintorni nonché dipinti di pittori meranesi del XIX e XX secolo.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo del vino Castel Rametz

Nel 1980 la famiglia Schmid ha allestito questo museo privato in quattro ampie sale di Castel Rametz. Al piano terra e nelle cantine del fabbricato rurale sono esposte antiche attrezzature della viticoltura. Gli attrezzi, in parte dimenticati e fuori uso, sono stati raccolti, restaurati e catalogati dalla famiglia Schmid in decenni di minuzioso lavoro. La collezione comprende utensili per la lavorazione del terreno, la vendemmia, la vinificazione e il trasporto dell’uva, nonché i più antichi mezzi di lotta antiparassitaria. Il museo espone inoltre le attrezzature per la coltivazione del grano


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO DELLA DONNA EVELYN ORTNER

La storia del Museo delle Donne é strettamente collegato con la fondatrice Evelyn Ortner (1944 - 1997),nativa Austria. Era un'appassionata collezionista di abiti e accessori. Nel 1993, nacque l'associazione "Museo della Donna - la donna nel corso del tempo". Da li in poi tante donne si associarono e cosi cresceva questo museo.
Nel 1993 nacque l’associazione “Museo della Donna – la donna nel corso del tempo”, che ha ottenuto negli anni l’appoggio e il consenso di tante donne.Ogni anno vengono ospitate inoltre varie mostre straordinarie.
 Oggi il Museo, con il suo compito di raccontare come è


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO EBRAICO E SINAGOGA

La sinagoga, di rito ashkenazita, testimonia l’epoca – tra gli ultimi anni del secolo scorso e lo scoppio della seconda guerra mondiale – in cui la comunità ebraica di Merano fu centro culturale e mondano tra i più significativi dell’arco mitteleuropeo. Nei percorsi del museo, si rispecchiano quegli anni di splendore e quelli tragici della Shoah.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO PROVINCIALE DEL TURISMO - CASTEL TRAUTTMANSDORFF

Castel Trauttmansdorff, antica dimora scelta dall'Imperatrice Elisabetta per i suoi soggiorni a Merano, ospita oggi un curioso "museo vivo": il Museo Provinciale del Turismo, altrimenti noto come Touriseum. È il primo museo dell'arco alpino interamente ed esclusivamente dedicato alla storia del fenomeno turistico.
Spostandosi di sala in sala, i visitatori del museo compiono un interessante viaggio nel tempo percorrendo, tra una fantasiosa ambientazione scenica e l'altra, due secoli di storia del turismo vista sia nell'ottica dei viaggiatori che della popolazione locale. Scenografie mobili, mode


Vai alla scheda


AGGIUNGI

RACCOLTA RUSSO-ORTODOSSA NADEZDA BORODINA

Raccolta di oggetti di culto, documenti, libri, testimonianze della comunità russo-ortodossa giunta a Merano alla fine del XIX secolo. La chiesa, inaugurata nel 1897 e dedicata a S. Nicola Taumaturgo, il Santo dei Miracoli, è stata progettata da Tobias Brenner, come pure le eleganti palazzine che la circondano. Il complesso sorse grazie ad un ingente lascito della ricca moscovita Nadezda Ivanovna Borodina. Il Russkij Dom (Casa Russa) meranese, recentemente ristrutturato, attualmente ospita una casa di riposo. In questo edificio si trova però anche la biblioteca, che raccoglie quanto rimane dei


Vai alla scheda