Cerveteri
B 9 °

Scopri i 3 luoghi da visitare a Cerveteri

Ammira i luoghi più belli di Cerveteri e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Museo Nazionale Archeologico Cerite

Nella rocca della famiglia dei principi Ruspoli, risalente al XIII secolo, ha sede il Museo Nazionale Cerite.
I criteri espositivi della raccolta tengono conto della cronologia. Per l’età più antica sono esposti alcuni corredi della necropoli del Sorbo, con vasi biconici, con funzione di cinerario, sia femminili (coperchio a ciotola) che maschili (coperchio ad elmo).
Per l’età orientalizzante (VII sec. a.C.) sono esposti numerosi corredi delle necropoli di Monte Abatone, di Casaletti di Ceri e del Laghetto.
Di particolare interesse si segnalano un vaso decorato con una coppia mitica (Elena e


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Necropoli della Banditaccia

E' una delle più grandi necropoli del mondo antico. Attraversata da una via sepolcrale lunga più di 2 Km, si sviluppò dal IX sec. a.C. ad età ellenistico-romana.
Le tombe più antiche sono del tipo a pozzo, con incinerazioni entro vasi biconici, e del tipo a fossa per inumati. Dal VII sec. a.C., con il prevalere del rito dell'inumazione, si sviluppano grandi tumuli con camere funerarie scavate nel tufo e decorate con motivi ispirati alle forme dell'architettura domestica. Tali monumenti, appartenuti a famiglie di alto rango, hanno restituito ricchi corredi ove frequente è la presenza di material


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Tumulo Regolini Galassi e Necropoli del Sorbo

La tomba, scoperta intatta nel 1836 e assai famosa per il ricco corredo conservato nei Musei Vaticani, si data verso la metà del VII sec. a.C. Iscritta in un tumulo, è composta da due ambienti lunghi e stretti in asse tra loro e da due vani laterali a pianta ovale, con copertura realizzata a grandi blocchi squadrati che con progressivo aggetto chiudono in alto la tomba formando una volta del tipo a ogiva. Essa accoglieva tre individui, un incinerato e due inumati. Tra gli oggetti del corredo, un'anforetta d'argento recante l'iscrizione 'mi larthia'(io sono di Larth) ci fa conoscere il nome del


Vai alla scheda