Città di Castello
7 2 °

Scopri i 13 luoghi da visitare a Città di Castello

Ammira i luoghi più belli di Città di Castello e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Campanile cilindrico

Ubicato al centro di Città di Castello, poco distante dalla cattedrale dei Santi Florido e Amanzio, cui pure appartiene, il campanile cilindrico rappresenta uno dei simboli architettonici della città. La sua struttura, cilindrica, richiama i campanili ravennati. I conci esterni ne indicano le diversi fasi costruttive: nella parte inferiore, XI – XII secolo, sono più piccoli mentre in quella superiore, XIII – XIV secolo, sono più grandi. La struttura, alta 43,50 metri con un diametro medio di 7 metri, termina con un coronamento a cono in cui si trova la cella campanaria con tre campane. Recenti


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Centro delle tradizioni popolari "Livio Dalla Ragione"

Il Museo si trova nella periferia sud di Città di Castello, nella casa colonica di pertinenza di villa Capelletti. Istituito nel 1974 il museo è uno dei primi esempi realizzati in Italia di raccolta di oggetti legati alla tradizione contadina. Nelle successive sale sono documentate le lavorazioni artigianali necessarie alla produzione di beni di consumo quotidiani e alla loro conservazione nel pieno rispetto delle abitudini dell'economia domestica del tempo. La visita comincia a piano terra dove si trovano la bottega del fabbro con conservati mantice in cuoio e arnesi di


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Centro di documentazione delle Arti grafiche "Grifani-Donati" 1799

La tipografia Grifani-Donati si trova a pochi passi dalla piazza centrale di Città di Castello di fronte al municipio in un edificio medioevale di corso Cavour. Gli ambienti occupati dalla tipografia sovrastano la chiesa di San Paolo in precedenza sede conventuale poi carcere. Fondata nel 1799, è una delle più antiche tipografie d'Italia ancora attive. Dagli anni Settanta dell'Ottocento, quando a Città di Castello venne introdotta l'industria tipografica, la Grifani Donati si concentrò su un mercato ristretto avendo come clientela soprattutto pubbliche amministrazioni, enti eccl


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Collezione Burri - Ex seccatoi del tabacco

Gli Ex seccatoi del Tabacco, sede della Collezione Burri insieme a palazzo Albizzini, si trovano nella periferia meridionale di Città di Castello. La collezione è stata aperta al pubblico nel luglio del 1990, a seguito dell'acquisizione e ristrutturazione dei capannoni industriali utilizzati fino agli anni '60 per l'essiccazione del tabacco tropicale. Importante museo di arte contemporanea, di circa 7.500 mq, è interamente dedicato alle opere di Alberto Burri (1915-1995). L’artista, di fama internazionale nato a Città di Castello, ha curato direttamente l’allestimento interno attrav


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Collezione Burri - Palazzo Albizzini

Il museo ha sede in palazzo Albizzini, nel centro storico di Città di Castello. Il palazzo, del XV secolo, ha sobria architettura rinascimentale di ascendenza fiorentina. Della famiglia Albizzini si ha notizia fin dal XIV secolo, i suoi componenti sono stati protagonisti di rilievo nelle vicende storiche della città. Sul loro altare, all'interno della chiesa di San Francesco, era lo Sposalizio della Vergine di Raffaello, oggi a Brera. Importante museo di arte contemporanea, è aperto al pubblico dal 1981 e comprende 130 opere dell'artista (1915-1995) datate dal 1948 al 1989 suddivise


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Collezione tessile di "Tela Umbra"

La Collezione tessile di "Tela Umbra" si trova a Città di Castello al secondo piano di palazzo Tommasini in via Sant’Antonio nel centro storico della città. L’esposizione si snoda in 9 sale e ricostruisce la storia dell’azienda "Tela Umbra" fondata da Alice Hallgarten e Leopoldo Franchetti nel 1908. Nel percorso espositivo particolare rilievo è dato alla figura della baronessa Franchetti, amica di Maria Montessori, cui si deve la creazione all’interno dei suoi laboratori di una piccola scuola, ove, mentre le madri lavoravano i loro figli potevano studiare con il metodo didattico Montessor


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo del Duomo

Collocato in piazza Gabriotti, a fianco della cattedrale dedicata ai Santi Florido e Amanzio, con la sua superficie di quasi 800 mq è uno dei più grandi musei italiani dedicati all’arte sacra. Originariamente costituito da due soli ambienti, ai quali si accedeva attraverso la sacrestia della cattedrale, è stato ampliato e istituzionalizzato nel 1991 con l’apertura di altri cinque locali, collocati su due piani e ricavati in parte dalle vecchie sacrestie sei-settecentesche, in parte da altri locali tre-quattrocenteschi già di pertinenza della chiesa. È del 2000 l’ultimo ampliamento,


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Oratorio di San Crescentino

L'oratorio si trova a Morra, distante pochi chilometri da Città di Castello. Edificato nel 1420 e ampliato nel 1507, l’oratorio è dedicato al soldato romano Crescentino, testimone della fede cristiana nell’Alta Valle del Tevere e martire nel 303 d.C. per ordine dell’imperatore Diocleziano. L’interno, a navata unica, conserva nella sagrestia affreschi tardogotici relativi alla struttura originale e, lungo le pareti, una decorazione eseguita dalla bottega del cortonese Luca Signorelli (1450-1523). Di mano dell’artista sono soltanto le scene della Flagellazione e della Crocifissione.


Vai alla scheda