Spoleto
4 11 °

Scopri i 31 luoghi da visitare a Spoleto

Ammira i luoghi più belli di Spoleto e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Arco di Druso e Germanico

L'arco di Druso e Germanico (detto anche solo "arco di Druso") è un arco romano degli inizi del I secolo situato a Spoleto, (antica Spoletium, a ridosso del tempio romano e della chiesa di Sant'Ansano. Costituiva la porta di accesso monumentale al foro della città dalla via Flaminia (ricalcato dall'odierna piazza del Mercato), scavalcando il cardine massimo.

Storia

L'arco fu eretto nel 23 d.C. dal senato locale in onore di Druso minore e di Germanico, rispettivamente figlio naturale e nipote e figlio adottivo dell'imperatore Tiberio, in occasione della morte di Druso (Germanico era morto nel 19


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Basilica di Sant'Eufemia

La chiesa di Sant’Eufemia, uno dei più interessanti edifici romanici in Umbria, sorge entro il recinto del palazzo Arcivescovile di Spoleto, nella centrale via Saffi. Le notizie più antiche riguardo l’edificio risalgono al X secolo, quando ad esso fu congiunto un monastero di monache benedettine. Gunderada, fondatrice del monastero, nel 980 vi operò la traslazione del corpo del vescovo spoletino Giovanni, martirizzato sotto i Goti. La chiesa venne riedificata entro la prima metà del XII secolo, secondo le forme del romanico spoletino partecipe dell&rsquo


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Casa romana

I resti della casa romana sono visitabili nei locali sotto il Municipio di Spoleto. La visita permette di conoscere l'organizzazione di una casa appartenente ai ceti più abbienti, diffusa in epoca romana, e di apprezzarne le ricche decorazioni pavimentali e parietali. La domus - l’abitazione signorile di epoca romana - all’epoca era situata sul terrazzamento superiore a quello della piazza del foro, in posizione ben visibile dal basso. Gli ambienti messi in luce sono tutti elegantemente decorati da pavimenti a mosaico, mentre meno conservata è la decorazione pittorica. Centrata sull’atrio (at


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Centro visita Monteluco

Nata da un’iniziativa della locale sezione del WWF, la mostra promuove la conoscenza del cosiddetto Bosco Sacro della montagna spoletina, di cui si illustrano le testimonianze antropiche, storiche e religiose, nonché gli aspetti geologici, botanici e zoologici.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Complesso monumentale dell'Anfiteatro

Il Complesso monumentale dell'Anfiteatro è situato in un'ampia zona a nord di Spoleto, fuori dalla prima cinta muraria, sulla sponda sinistra del torrente Tessino. Occupa un'area di oltre 10.000 m², una città nella città, che comprende i resti di un anfiteatro romano, tre grandi chiostri, giardini, cortili e due ex monasteri con le rispettive chiese: la chiesa dei SS. Stefano e Tommaso e la chiesa di San Gregorio Minore o de griptis.
L'intero complesso per più di un secolo è stato impiegato per usi militari, rimanendo per molti anni un blocco isolato dalla città, dimenticato e non considerato,


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo di Spoleto

La cattedrale di Santa Maria Assunta è il principale luogo di culto cattolico della città di Spoleto, chiesa madre dell'arcidiocesi di Spoleto-Norcia.
La cattedrale venne costruita a partire tra il 1151 e il 1227 in luogo di un edificio preesistente; al suo interno, nell'abside, vi è il pregevole ciclo di affreschi di Filippo Lippi Storie della Vergine, dipinto negli ultimi anni di vita dell'artista, tra il maggio 1467 e il settembre 1469.

Storia

La cattedrale di Santa Maria Assunta venne costruita in stile romanico nell'ultimo terzo del XII secolo in sostituzione della preesistente chiesa di Sa


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Ex chiesa di San Lorenzo

La ex chiesa di San Lorenzo, attualmente denominata Sala Pegasus, è situata a Spoleto lungo via delle Terme, davanti al palazzo Rosari-Spada. È una piccola chiesa sconsacrata che fino al 1825 ha svolto funzione ecclesiastica. Nel 1972 alcuni interventi di restauro e di consolidamento strutturale hanno permesso di trasformarla in sede di mostre, piccoli convegni ed avvenimenti culturali della città.

Storia

Era dedicata a san Lorenzo Illuminatore, monaco siriano, vescovo e martire locale morto nel 576, giunto a Spoleto forse al seguito di Isacco e Brizio per fuggire alle persecuzioni. È detto "il


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Ex monastero di Santa Maria inter Angelos

L' ex monastero di Santa Maria inter Angelos si trova a Spoleto a 30 minuti di cammino nel bosco dal centro storico, lungo il sentiero naturalistico del Giro dei condotti, sul versante sud occidentale del Colle Ciciano. Si può raggiungere anche attraverso la strada SP 463, girando a sinistra in corrispondenza di un bivio e scendendo per circa 750 m. lungo una strada sterrata. Recentemente (2010) è stato restaurato e adibito ad agriturismo.

Storia

Conosciuto anche con la denominazione di Monastero delle Palazze, o più semplicemente Le Palazze, venne fondato da Gregorio IX nel 1229 sulle pendici


Vai alla scheda