Orvieto
5 14 °

Scopri i 21 luoghi da visitare a Orvieto

Ammira i luoghi più belli di Orvieto e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Abbazia di San Severo e Martirio

Interessante edificio sorto nell'alto medioevo e ricostruito poi nel Sec. XII dai benedettini. L'orine francese dei premostratensi, succeduto nel 1220 ai benedettini. ampliò l'Abbazia verso nord, in stile di transizione romanico-gotico.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Cappella di San Brizio

La cappella di San Brizio, o cappella Nova, si trova nel transetto destro del duomo di Orvieto. È celebre per il ciclo di affreschi con Storie degli ultimi giorni, avviato nelle vele da Beato Angelico e Benozzo Gozzoli nel 1447 e completato da Luca Signorelli nel 1499-1502.
Per l'originalità spaziale e iconografica e per la singolarità del tema, la cappella costituisce un unicum nell'arte.

Edificazione

L'edificazione della cappella iniziò nel 1396 grazie al lascito testamentario dell'orvietano Tommaso di Micheluccio, che desiderava fosse creata una cappella intitolata alla Vergine Incoronata. Da


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Chiesa di San Domenico (Orvieto)

La chiesa di San Domenico è un luogo di culto cattolico di Orvieto. La sua costruzione fu iniziata nel 1233, pochi anni dopo la morte di san Domenico ed è forse una delle prime chiese dell'Ordine dei domenicani.

Descrizione

L'edificio era costruito a tre navate e tuttora rimangono soltanto l'abside e il transetto dopo che il resto del corpo della chiesa fu abbattuto nel 1932 per la costruzione dell'Accademia femminile di educazione fisica. Oggi quel complesso di edifici ospita il centro addestramento di specializzazione dei Baschi Verdi della Guardia di finanza.
All'interno della chiesa è conser


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Chiesa di Sant'Andrea (Orvieto)

La chiesa di Sant'Andrea (e Bartolomeo) è sita ad Orvieto, in provincia di Terni.

Storia

Fu restaurata dall'ingegnere Gustavo Giovannoni nel 1926 insieme alla torre dodecagonale. Con questo restauro furono inseriti nella facciata delle opere moderne, come gli altorilievi nella lunetta del portale, la vetrata del rosone e le maioliche e terrecotte del portico nuovo, ma questo restauro cancellò completamente le modifiche apportate nel '200-'300 e nel '500.

Struttura

La chiesa ha una struttura a croce romana, articolata in tre navate con transetto e abside semicircolare. La copertura delle navate è


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Complesso dei Palazzi papali

Residenze papali costruite dai papi Urbano IV e Martino IV. La prima (1264) in stile romanico di transizione al gotico e la seconda (1284) è inspirata al gotico francese.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo di Orvieto

La cattedrale di Santa Maria Assunta è il principale luogo di culto cattolico di Orvieto, in provincia di Terni, chiesa madre della diocesi di Orvieto-Todi e capolavoro dell'architettura gotica dell'Italia Centrale. Nel gennaio del 1889 papa Leone XIII l'ha elevata alla dignità di basilica minore.
La costruzione della chiesa fu avviata nel 1290 per volontà di papa Niccolò IV, allo scopo di dare degna collocazione al Corporale del miracolo di Bolsena. Disegnato in stile romanico da un artista sconosciuto (probabilmente Arnolfo di Cambio), in principio la direzione dei lavori fu affidata a fra Be


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Ex chiesa di Sant'Agostino

Ex Chiesa di S. Agostino con portale gotico del 1300 riccamente ornato. Interno settecentesco con altari laterali.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo "Claudio Faina" e Museo civico

Il museo Claudio Faina e il museo civico archeologico hanno sede nel palazzo Faina, situato in piazza Duomo di Orvieto. Edificato a metà dell’Ottocento, il palazzo fu costruito riutilizzando le strutture della casa dei Monaldeschi, dal Duecento tra le famiglie più importanti d’Orvieto. Nel palazzo, acquistato alla metà dell’Ottocento dal conte Claudio Faina senior, fu trasferita la collezione di famiglia ospitata inizialmente nella residenza di Perugia. L'edificio è sede museale dal 1954, quando l’ultimo erede Claudio junior lasciò per testamento al Municipio di Orvieto tutte le proprietà per


Vai alla scheda