Pieve di Cadore
2 -4 °

Scopri i 3 luoghi da visitare a Pieve di Cadore

Ammira i luoghi più belli di Pieve di Cadore e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

CASA NATALE TIZIANO VECELLIO

La residenza familiare che vide venire alla luce il pittore Tiziano Vecellio è un solido edificio cadorino del XV secolo, in via Arsenale a Pieve di Cadore. All’epoca della costruzione rappresentava una dimora tipica di una famiglia locale distinta, che annoverava, tra i suoi componenti, personaggi di prestigio: notai, mercanti di legname, incaricati della gestione della cosa pubblica.
La situazione attuale invece è il risultato di interventi – commissionati dalla Magnifica Comunità di Cadore, proprietaria dal 1926 dell’immobile - all’ing. Giuseppe Palatini di Pieve di Cadore, ed eseguiti anc


Vai alla scheda


AGGIUNGI

FONDAZIONE MUSEO DELL'OCCHIALE ONLUS

Il Museo dell’Occhiale raccoglie oltre 4.000 reperti che documentano la storia dell’occhiale, dai primordi ai giorni nostri. In molti casi si tratta di pezzi eccezionali, unici nel loro genere, preziosi documenti non solo della storia della tecnica e del costume ma anche dell’arte. Oltre agli occhiali di ogni genere, all’interno del Museo sono conservati pince-nez, fassamani, astucci, ventagli con occhiali o lorgnette celati al loro interno, binocoli, cannocchiali, bastoni da passeggio con occhiali, lenti o cannocchiali inseriti nel manico, monocoli, lenti di ingrandimento, astucci e tanti alt


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO ARCHEOLOGICO CADORINO

Il Museo Archeologico Cadorino, dedicato a Enrico De Lotto, raccoglie il patrimonio archeologico preromano e romano del santuario di Lagole (presso Calalzo di Cadore) e dell'area centrale del Cadore. Il santuario di Lagole si trova lungo l'antico percorso che univa il Bellunese alle zone alpine e transalpine, in uno spazio molto suggestivo per la presenza di fonti di acque terapeutiche, con caratteristiche carbonatico-solforose.
Nel museo sono esposti numerosi ex voto raccolti durante le attività di scavo tra il 1941 e il 1952, tra cui manici e vasche di simpulum per attingere le acque sananti


Vai alla scheda