Asolo
2 -3 °

Scopri i 6 luoghi da visitare a Asolo

Ammira i luoghi più belli di Asolo e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Casa Longobarda

La cosiddetta Casa Longobarda è un palazzo di Asolo, situato alla fine della contrada di Santa Caterina.
Il nome deriva dal fraintendimento dell'iscrizione in lingua latina che attesta la regione d'origine del suo costruttore, Francesco Graziolo, il quale la realizzò con l'aiuto del figlio Bartolomeo e vi risiedette per alcuni anni. Graziolo, scultore lombardo arrivato ad Asolo per lavorare alla corte di Caterina Cornaro, progettò tra l'altro il palazzo di Altivole, di cui oggi rimane solo una barchessa, meglio nota come Barco della Regina Cornaro, e realizzò il fonte battesimale, commissionato


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Castello di Asolo

Il castello di Asolo è una fortezza situata nel centro dell'omonimo borgo, nella parte più elevata della zona abitata.
Noto anche con il nome di Palazzo Pretorio, fino alla costruzione delle mura medioevali che lo congiungevano alla Rocca, ebbe vita autonoma e, in parte, contrapposta rispetto a questa.

Storia

La prima menzione del castrum di Asolo si trova in un atto dell'imperatore Ottone I del 969, ma la denominazione stessa del fortilizio indica che probabilmente esso risale all'epoca romana (poco distante passava tra l'altro la via Aurelia che collegava Patavium alla via Claudia Augusta Alti


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo di Asolo

La chiesa prepositurale e collegiata di Santa Maria Assunta, più nota come duomo di Asolo, è il principale edificio religioso della città di Asolo.
È una parrocchiale prepositurale, nonché sede di un vicariato della diocesi di Treviso. Nel 1959 è stata ripristinata la sua condizione di collegiata, quindi è presente un capitolo formato dal prevosto (il parroco) e da alcuni canonici, sia titolari che onorari.

Storia

È probabile che l'attuale duomo sorga sul posto dell'antica cattedrale. Asolo fu infatti sede vescovile almeno dal 590, quando al sinodo di Marano partecipò anche un Agnellus de Acilio


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO CIVICO DI ASOLO

Il Museo civico occupa, oltre che il palazzo del Vescovado, l’edificio della Loggia della Ragione, costruito per ospitare le rappresentanze del Consiglio cittadino e affrescato intorno alla metà del XVI secolo. Il primo nucleo delle collezioni museali si forma agli inizi dell’Ottocento, ma il Museo viene istituito ufficialmente alla fine di quel secolo, grazie ai lasciti di Andrea Manera e Pacifico Scomazzetto. Dagli inizi del Novecento le donazioni si intensificano, incrementando considerevolmente il patrimonio artistico e storico dell’istituto.
Ora ospita la sezione archeologica che docum


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Rocca di Asolo

La Rocca di Asolo è una fortezza, situata sulla cima al Monte Ricco, che sovrasta l'omonimo borgo.

Storia

La tradizione vuole che un originario complesso difensivo sorgesse qui fin dall'epoca preromana.
Grazie agli scavi effettuati tra il 1984 e il 1991 dalle discipline di Archeologia delle Venezie e di Topografia dell'Italia antica dell'Università di Padova, sono emerse tracce di una piccola aula di culto absidata, databile alla seconda metà del VI secolo, e di sepolture posteriori. La decorazione a mosaico messa in luce nella zona dell'abside è oggi conservata nel Museo cittadino.
Ad un periodo


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Villa Scotti-Pasini

Villa De Brandis, Scotti, Browning, Pasini, è una villa veneta di Asolo, in provincia di Treviso.
Sorge su una notevole posizione panoramica: alle pendici sudoccidentali del monte Ricco, sul quale si innalza la Rocca, domina le piazze centrali della cittadina.

Storia

Del fondo su cui fu costruita la villa si hanno notizie a partire dal 1609, quando era proprietà dei Bressa. Nel 1717 esso presentava solo una «casa con horto e riva prativa piantata».
Tra questa data e il 1741 il complesso passò ad Antonio Pasini, che si occupò della costruzione dell'odierno palazzo ingrandendo il fabbricato già esi


Vai alla scheda