Treviso
B 4 °

Scopri i 8 luoghi da visitare a Treviso

Ammira i luoghi più belli di Treviso e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Chiesa San Nicolò

costruita all'inizio del XIV secolo dai Domenicanigrazie ai 70.000 fiorini lasciati dal papa trevigiano Benedetto XI, è la chiesa più grande della città, superando anche il Duomo. Nel complesso conventuale annesso, oggi sede del Seminario vescovile, è conservato un importante ciclo di affreschi di Tomaso da Modena. Degne di nota sono le raffigurazioni di Ugo di Saint-Cher e Nicolò di Rouen, ritenute le prime opere pittoriche a riportare rispettivamente degli occhiali e una lente d'ingrandimento.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo di San Pietro

Le sue origini risalgono all'età paleocristiana (VI secolo), mentre l'edificio attuale fu costruito in stile neoclassico da Andrea Memmo e Giannantonio Selva, seguendo il progetto dell'architetto castellano Giordano Riccati. In piazza del Duomo si trovano anche la chiesa di San Giovanni Battista, oggi utilizzata come battistero, e l'episcopio.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Isola della Pescheria

L'isola della Pescheria è un isolotto fluviale del centro storico di Treviso, lambita dal Cagnan Grando (uno dei rami del Botteniga). Come suggerisce il nome, ospita il mercato del pesce cittadino


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Loggia dei Cavalieri

Simbolo del potere politico assunto da nobili e cavalieri nel periodo del Libero Comune, la Loggia dei Cavalieri è un esempio di romanico trevigiano con influssi dell'eleganza bizantina. Fu costruita sotto la podesteria di Giacomo da Perugia (1276) come luogo di convegni, conversazioni, giochi.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO "D. GROSSA E CAMPAGNER"

Nella Sala del Capitolo dei Domenicani, affrescata da Tommaso da Modena, sono riunite tre collezioni: "Grossa", "Campagner" e "Scarpa".

La collezione Scarpa comprende circa 2.500 animali, alcuni dei quali conservati in recipienti, altri imbalsamati. Le altre collezione comprendono materiale etnografico (raccolta di frecce degli Indios) utensili, reperti e oggetti dell'area precolombiana, di cui alcuni databili al paleolitico inferiore.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO ETNOGRAFICO PROVINCIALE

Il Museo Etnografico Provinciale, allestito nelle seicentesche "Case Piavone" e co-gestito con il Gruppo Folcloristico Trevigiano, individua tra le sue finalità quella di raccogliere, conservare, tutelare e valorizzare le testimonianze presenti nel territorio che si riferiscono alla storia, all'economia, al lavoro, alla vita quotidiana, al folclore, ai dialetti, ai costumi e agli usi della comunità della Marca Trevigiana creando una struttura documentaria riferita sia agli oggetti e alle tecniche di lavoro, sia ai contesti socio-economici e antropologici del territo


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Piazza dei Signori

La piazza costituisce il cuore della città e suo centro culturale, storico e sociale. A est della piazza si trova il Palazzo dei Trecento o della Ragione, costruzione nel XII secolo, già sede del Maggior Consiglio. Una cicatrice sulle pareti esterne del palazzo ricorda gli importanti danni subiti nel 1944, durante il bombardamento di Treviso. Attualmente conservata sotto la loggia del Palazzo dei Trecento troviamo la Fontana delle Tette, na antica fontana scolpita di Treviso, che sotto la dominazione della Repubblica di Venez


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Via Calmaggiore

In entrambi i lati numerosi sono i palazzi affrescati sia nelle facciate che all'interno dei portici che si susseguono per tutta la lunghezza della strada.
All'inizio di via Calmaggiore, era collocata un tempo la Fontana delle tette, poi rimossa ed attualmente conservata sotto la loggia del Palazzo dei Trecento. La copia della scultura originale è collocata nel cortile di palazzo Zignoli a Treviso, accessibile dalla galleria che collega il Calmaggiore alla piazzetta della Torre e alla calle del Podestà. 

 


Vai alla scheda