Vasto
Q 10 °

Scopri i 3 luoghi da visitare a Vasto

Ammira i luoghi più belli di Vasto e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

CATTEDRALE DI SAN GIUSEPPE

Di antica fondazione, la chiesa con annesso convento francescano non più esistente, venne ricostruita nel 1293, poi di nuovo dopo l'invasione dei turchi nel 1566, e ancora nel 1890. La facciata si conserva ancora nel suo aspetto duecentesco in pietra bianca con il bel portale leggermente a ogiva e inquadrato. Il rosone è originale nella cornice, mentre la raggiera è ricostruita. L'ultimo intervento ha reso l'interno, ad unica navata e croce latina, in stile e archi a sesto acuto. Conserva al proprio interno il bellissimo trittico con la Madonna col Bambino in maestà e santi, opera di promo Cin


Vai alla scheda


AGGIUNGI

CHIESA DI SANTA MARIA MAGGIORE

Dell'XI secolo, la chiesa venne danneggiata dai turchi nel 1566 e da un incendio nel 1645. Ricostruita a partire dagli anni Ottanta del Settecento in forme ampie e poderose interamente in cotto, conserva ancora in facciata la poderosa torre campanaria di fondazione trecentesca, come testimoniano gli archi pensili. L'interno luminoso e arioso a navata unica coperta da volte e cupola, conserva la reliquia della Sacra Spina, un ostensorio del XV secolo di Nicola da Guardiagrele e agli altari preziose tele tra le quali spiccano la tizianesca Madonna col Bambino in trono e lo Sposalizio di Santa Ca


Vai alla scheda


AGGIUNGI

PALAZZO D'AVALOS - MUSEI CIVICI

Il palazzo domina dall'alto, a più di cento metri, la parte costiera di Vasto, come un monolite in pietra chiara squadrata. Posto dietro alla Cattedrale e al confine delle due zone della città vecchia, quella di fondazione romana e quella cresciuta durante il Medioevo, il palazzo venne fondato dal condottiero e signore del Vasto, Giacomo Caldora, forse negli anni Venti del Quattrocento. Dell'aspetto originario resta ben poco, se non l'impianto strutturale con il grande cortile centrale, e qualche traccia nel tessuto murario esterno, due per tutte sono la bifora e i resti del portale durazzesco


Vai alla scheda