Messina
N 17 °

Scopri i 16 luoghi da visitare a Messina

Ammira i luoghi più belli di Messina e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

ACQUARIO DI MESSINA

L'Acquario di Messina è l'unica struttura scientifica di tal genere esistente nell'Italia meridionale insieme all'Acquario di Napoli. E' stato costruito all'interno della Villa Mazzini all'inizio degli anni 60 dall'Istituto Talassografico di Messina, grazie ad un apposito finanziamento concesso dalla Regione Sicilia. Nel 1986 è stato ceduto in comodato al Comune di Messina che lo ha gestito fino alla costituzione del CeSPOM.  Nella struttura sono presenti circa 70 diverse specie di pesci, molluschi, crostacei e rettili del Mediterraneo ospitat


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Chiesa dei Catalani

Eretta tra XII e XIII secolo sotto Guglielmo il Buono, forse sui resti di un preesistente tempio pagano dedicato a Nettuno, era inserita dentro le mura del Castellammare.
In essa, magnifica espressione dell'arte bizantina siciliana con influenze arabo-normanne, si fondono magnificamente gli stili bizantino, romanico, arabo e normanno.
 


Vai alla scheda


AGGIUNGI

DIPARTIMENTO SCIENZE BOTANICHE

L'Orto Botanico di Messina costituisce oggi un piccolo arboreto in pieno centro abitato.  Il patrimonio di specie che oggi possiede l'Orto Botanico "Pietro Castelli" comprende molte piante autoctone ed esotiche, in particolare di origine tropicale e subtropicale. Molte di esse furono introdotte sin dalla fondazione, altre in epoche successive. Da oltre un decennio l'Orto Botanico si occupa di conservazione della biodiversità, riproducendo e coltivando specie autoctone a rischio di estinzione. Il suo patrimonio si incrementa continuamente: sono presenti ricche


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo di Messina

Il Tempio è dedicato a Dio col titolo di Nostra Signora Assunta in cielo altrimenti noto fino al Cinquecento come «Chiesa di Santa Maria la Nuova».
La facciata della cattedrale è a salienti, sormontata da una merlatura. La parte inferiore è decorata a liste orizzontali di marmi policromi a tarsie, mentre la parte superiore è tutta in pietra, con tre monofore gotiche e un rosone, arricchiti da eleganti transenne.

Organo a canne

L'organo della cattedrale è il secondo più grande d


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Fontana del Nettuno

La fontana del Nettuno è la seconda fontana realizzata a Messina da Giovanni Angelo Montorsoli (scultore toscano e stretto collaboratore di Michelangelo), dopo la nota fontana di Orione.
Il dio Nettuno, come appena sorto dalle acque, calmo e invincibile, brandisce il suo temibile tridente e tiene incatenate ai suoi piedi le mostruose Scilla e Cariddi; è un'allegoria della forza fisica e morale della Città che doma le avversità. 
 


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Fontana di Orione

La fontana di Orione è una fontana monumentale di Messina realizzata da Frà Giovanni Angelo Montorsoli(1507-1563) discepolo di Michelangelo, risalente al 1553.
E' una opera di una bellezza non comune, di grande significato e di forte impatto emozionale, commissionata affinché rappresentasse Orione, mitico fondatore della città di Messina.
 


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Galleria Vittorio Emanuele III

Uno dei pochi esempi di architettura con uso del ferro del Sud Italia, l'unica con Napoli, Galleria Umberto I. Realizzata nel 1929 da Camillo Puglisi Allegra per completare piazza Antonello. Il portico che dà sulla piazza è caratterizzato da un grande arco che segna l'accesso alla Galleria, riccamente decorata al suo interno con bellissimi stucchi ed un pavimento a mosaico bianco e nero. Due rampe di scale da una parte ed un portico dall'altra, conducono ad uscite secondarie.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

MUSEO ANNIBALE DI FRANCIA

All’interno della Basilica Santuario è stato realizzato il Museo “Annibale Di Francia” inaugurato nell’Anno Santo del 2000. La sua originalità è costituita dalla ricostruzione in scala ½ dell’intero “Quartiere Avignone”, così come lo trovò Sant’Annibale nel primo incontro con i poveri che abitavano, detti comunemente “mignuri”. 

Il Museo realizzato in due anni su progetti dell’Architetto Ing. Livio Lucà Trombetta ripropone la figura e l’opera dell’insigne citta


Vai alla scheda