Maddaloni
2 6 °

Scopri i 3 luoghi da visitare a Maddaloni

Ammira i luoghi più belli di Maddaloni e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Casino ducale Carafa Stadera

Il Casino di Starza Penta, una delle più significative emergenze storiche e monumentali della città di Maddaloni, oggi destinata a sede del Museo Archeologico dell’antica Calatia e del suo territorio, fu una delle residenze principali dei duchi Carafa della Stadera. Nel 1465 Diomede Carafa della Stadera ottenne in feudo (1465-1487) da Ferrante d’Aragona il territorio di Maddaloni. Nel 1552 l’edificio venne citato nell’atto di donazione che Diomede II fece alla moglie Roberta Carafa di Stigliano, individuato come Starza della Masseria delle Torri. Nel 1610, lo si trova citato come “Starza Penta


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Istituzione Museo Civico

Il Museo ha sede nel prestigioso complesso monumentale di Santa Maria de Commendatis del XVI secolo di proprietà del Comune di Maddaloni. Fin dall’antichità fu sede di un ospedale e, successivamente, nel XVIII secolo di un convento di suore domenicane. Ha una superficie utile di circa 550 mq distribuita su tre livelli, precisamente piano terra, primo e secondo piano. Il piano terra ha una funzione polivalente che varia dall’utilizzo dell’ambiente a sala per conferenze, proiezioni, laboratorio didattico e all’occorrenza anche come spazio espositivo per mostre. Al piano primo, la sala dedicata


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo Archeologico dell'antica Calatia

Nel Museo sono presentati, suddivisi in cinque sale, i reperti archeologici provenienti dagli scavi condotti nell’area dell’antica Calatia e dal suo territorio ed i corredi provenienti dalle necropoli calatine ubicate a Sud-Ovest e Nord-Est dell’abitato, che si distinguono per la loro completezza e conservazione, documentando un lungo arco cronologico che va dall’VIII secolo a.C. al III secolo d.C. L'esposizione è resa attraente e stimolante dalla ricostruzione in scala reale dei contesti tombali, realizzata il più possibile con materiali antichi, ed è accompagnata da pannelli didattici e da


Vai alla scheda