Dozza
Q 5 °

Scopri i 3 luoghi da visitare a Dozza

Ammira i luoghi più belli di Dozza e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Biennale e Pinacoteca del Muro Dipinto - Comune di Dozza (BO)

Situata nel medievale comune di Dozza, la cinquecentesca Rocca è stata prima dimora di Caterina Sforza ed in seguito della famiglia Malvezzi Campeggi, da cui l'Amministrazione cittadina l'ha acquistata nel 1960. Dopo un adeguato restauro dell'edificio e l'istituzione della rassegna d'arte all'aperto Muro dipinto, nel 1962 è stata aperta al pubblico la Pinacoteca del Muro dipinto, Galleria d'arte moderna dove sono conservati più di cent'ottanta bozzetti delle opere che tanti artisti hanno realizzato sui muri della cittadina; nonché sono conservati alcuni dipinti murari strappati perché conside


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo della Rocca di Dozza

La Rocca è un edificio storico di origini duecentesche che nasce come fortificazione militare, per trasformarsi nel '500 in residenza signorile dei Malvezzi-Campeggi. La visita si articola tra i dipinti e gli arredi delle camere e del salone al piano nobile, il pozzo a rasoio, le cucine, le prigioni, le torri, i camminamenti di guardia ed il cortile a doppio loggiato, con arredi di epoche diverse comprese tra il 1400 e il 1800. Al secondo piano sono ospitate la Pinacoteca del Muro Dipinto che espone una selezione di bozzetti preparatori e strappi legati alla Biennale del Muro Dipinto e la dona


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo Parrocchiale d'Arte Sacra "Don G. Polo"

Aperto al pubblico nel 1978, ha sede nell'edificio contiguo alla Chiesa parrocchiale dell'Assunta. Ricostruita verso la fine del XV secolo e restaurata tra il 1942 e il '45, l’edificio di culto conserva una lunetta con rilievo raffigurante la Vergine di arte romanico-bizantina, una tavola di Marco Palmezzano (Madonna col Bambino e i Santi Giovanni Battista e Caterina, 1492) e buoni dipinti di scuola bolognese di epoca compresa tra il XVI e il XVII secolo. Altri arredi chiesastici sono custoditi nell'attiguo museo, insieme ad oggetti provenienti da luoghi di culto delle campagne circostanti: di


Vai alla scheda