Imola
7 7 °

Scopri i 10 luoghi da visitare a Imola

Ammira i luoghi più belli di Imola e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Archivio di Stato di Bologna. Sezione di Imola

La Sezione di Archivio di Stato di Imola conserva materiale documentario ben distinto da quello bolognese, in quanto le vicende storiche della città sono state per lungo tempo separate da quelle di Bologna. Imola infatti, dopo le tumultuose vicende dell’età medioevale e il rapido susseguirsi, fra Tre e Quattrocento, delle signorie Alidosi, Manfredi, Visconti e Sforza, appartenne al territorio della Legazione di Ravenna, dagli inizi del XVI secolo fino alla caduta dell’antico regime. Compresa, durante l’età napoleonica, nella circoscrizione del Dipartimento del Reno, la città fu riaggregata all


Vai alla scheda


AGGIUNGI

COLLEZIONE PIER FERNANDO MONDINI

Nel settecentesco ex convento carmelitano, la collezione comprende burattini, baracche e teatrini prodotti tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento.  Marionette e burattini della tradizione italiana completi del loro abbigliamento (compresi pezzi scolpiti dai più importanti burattinai attivi in regione), sono affiancati da esemplari austriaci, cecoslovacchi e francesi. I teatrini giocattolo sono di provenienza italiana, austriaca e inglese.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo del Risorgimento

Inaugurato nel 1938 per iniziativa di Romeo Galli, bibliotecario e conservatore delle civiche raccolte artistiche della città di Imola, è situato al piano terra dell'ex convento di San Francesco, sede anche della Biblioteca comunale e del Teatro. Il nucleo iniziale è costituito dai materiali donati dal conte Antonio Domenico Gamberini (1831-1910), patriota e deputato nel 1859 dell'Assemblea delle Romagne, e da armi, uniformi, lettere, testimonianze iconografiche, bandi e proclami che documentano la partecipazione degli Imolesi alle vicende risorgimentali. Il materiale è esposto in cinque sale


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo della Cooperativa Ceramica "G. Bucci"

La Cooperativa Ceramica di Imola è attiva dal 1874 e il museo nasce nel 1979 per valorizzarne la memoria storica. Il percorso si sviluppa in tre sezioni, dedicate rispettivamente all’evoluzione delle decorazioni prodotte dalla Sezione Artistica dell’azienda, ai ceramisti che hanno influito sulle tipologie della produzione artistica ed industriale, e infine alle opere qui realizzate da artisti contemporanei.Nella Sala omonima è conservata la produzione seriale delle decorazioni prodotte dalla Sezione Artistica. E' possibile così constatare sia la continuità sia l'evoluzione di gusti e stili (tr


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo di San Domenico

Il complesso conventuale dei Santi Nicolò e Domenico, sede della Pinacoteca, è stato oggetto in questi anni di una attenta e complessa opera di ristrutturazione degli ambienti finalizzata ad accogliere in un'unica sede i Musei Civici di Imola. L'itinerario espositivo consente al momento di visitare esclusivamente gli ambienti della Pinacoteca Comunale, la cui collezione si compone di un centinaio di opere, prevalentemente di ambito bolognese, realizzate tra il XV e il XXI secolo. Il nucleo principale della collezione è stato arricchito dall'esposizione di ulteriori raccolte, tra cui quella dei


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo e Pinacoteca Diocesani

Nel palazzo del Vescovado, è aperto al pubblico dal 1962 occupando le sale (Galleria dei Ritratti, Sala del Trono, Stanza da letto) dell'appartamento di Pio IX, già vescovo di Imola, di cui si conserva anche un busto. Il bicentenario della nascita del pontefice ha dato luogo nel 1992 al riallestimento delle collezioni. La raccolta è formata da dipinti, sculture, argenterie, arredi liturgici, fra cui una pianeta detta della Regina di Napoli, l'abito della Madonna del Rosario, una croce processionale, materiali lapidei provenienti dalla cattedrale e dalle chiese della diocesi, codici miniati di


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo Mostra della Resistenza e del Novecento

Ospitato all'interno di "Casa Gandolfi", è parte del Centro Imolese Documentazione Resistenza Antifascista e Storia Contemporanea (CIDRA) e nasce tra il 1983 e il 1985 su impulso delle associazioni resistenziali e del Comune di Imola. In sei sale espositive in cui si approfondiscono alcune tematiche che aiutano il visitatore a ripercorrere le tappe della storia del territorio imolese tra le due guerre mondiali: Vent'anni di fascismo e antifascismo; Il difficile inizio partigiano; Resistenza in città e pianura; Guerriglia sull'Appennino; Le battaglie della 36° Brigata; Liberazione, Ricostruzion


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Palazzo Tozzoni

Palazzo Tozzoni è un caso piuttosto raro di residenza nobiliare ottimamente conservata non solo nella sua consistenza architettonica ma anche nei suoi arredi e suppellettili, il palazzo offre un ricco percorso espositivo che comprende un'importante quadreria, oggetti d'arte applicata, arredi, ricordi di famiglia ed una raccolta di materiali etnografici e che consente di apprezzare, in un contesto sostanzialmente integro, il dialogo tra gli ambienti e i corredi, tra le strutture e le decorazioni. Un rapporto ora di compenetrazione, come nella camera dell'alcova o nell'ala Impero, ora di stratif


Vai alla scheda