Parma
7 5 °

Scopri i 35 luoghi da visitare a Parma

Ammira i luoghi più belli di Parma e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Abbazia di San Giovanni Evangelista

Notevole complesso monastico benedettino. La sua ricostruzione nelle forme attuali iniziò nel 1490 per concludersi verso il 1519. 
 Adiacente alla chiesa, il monastero ruota attorno a tre chiostri: il primo cortile presenta un colonnato in stile ionico, il secondo contiene alcune decorazioni del Correggio e nel terzo, detto chiostro di San Benedetto, sono visibili affreschi di inizio '500. Nel grande complesso monastico sono presenti anche le quattro sale dell'Antica Spezieria, 
 


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Antica Spezieria di San Giovanni Evangelista

Le prime notizie sull’esistenza di una spezieria nel complesso abbaziale di San Giovanni Evangelista a Parma risalgono al 1201, ma la sua fondazione potrebbe essere anche precedente, dal momento che il monastero fu fondato nel 980 d.C. É probabile che in un primo tempo la Spezieria fosse unicamente al servizio del Benedettini e che solo successivamente sia divenuta pubblica.

L'attuale sistemazione, per quanto riguarda gli arredi, risale alla fine del XVI secolo e ai primi anni di quello successivo, mentre la disposizione dei locali subì una radicale modifica nel


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Battistero

Grande edificio a pianta ottagonale destinato al rito battesimale, sorge a fianco del campanile del Duomo sulla stessa piazza. Fu progettato da Benedetto Antelami in uno stile che segna il passaggio dal romanico al gotico. L'esterno è interamente rivestito in marmo rosa di Verona.
 L'interno è costituito da 16 arcate che compongono delle nicchie contenenti affreschi e dipinti risalenti al XIII e XIV secolo; la notevole cupola a ombrello del soffitto è dipinta con figure di Santi.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Biblioteca Palatina

La Biblioteca Palatina di Parma possiede importanti fondi antichi manoscritti e a stampa ed ha prevalentemente indirizzo storico umanistico.Essa raccoglie e conserva la produzione editoriale italiana nazionale e locale - per quest'ultima attraverso il deposito obbligatorio degli stampati - ed acquisisce le pubblicazioni che documentano gli sviluppi della cultura straniera, tenendo conto della specificità delle proprie raccolte e delle esigenze dell'utenza. La biblioteca è destinata a quanti svolgono attività di studio e ricerca e a coloro che non possono reperire i


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Camera di San Paolo

L’attuale percorso museale della Camera di San Paolo ricostruisce gli ambienti dell’appartamento privato della badessa Giovanna da Piacenza, all’interno dell’antico monastero benedettino femminile di San Paolo, che all’inizio del Cinquecento fu uno dei centri culturali più significativi della città.
Attraversati alcuni spazi si raggiunge un ambiente quasi perfettamente quadrato, il cui soffitto fu affrescato nel 1514 dal pittore parmense Alessandro Araldi con una ricca ornamentazione a grottesche e candelabre dipinte, in cui si inseriscono scene sac


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Castello dei Burattini - Museo "G. Ferrari"

Situato all'interno dell'antico Complesso di San Paolo, il museo è tra i più importanti d'Italia per numero di pezzi esposti e per valore storico artistico. Dedicato a Giordano Ferrari (1905-1987), burattinaio e collezionista di Parma, si compone di oltre 500 pezzi tra cui marionette, pupi, burattini, scenografie, oggetti di scena, fotografie, manifesti e copioni che nell'insieme danno vita ad un percorso museale curioso e stimolante. L'esposizione è articolata su due itinerari: quello delle marionette e quello dei burattini. Nel primo caso le marionett


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Cella di Santa Caterina

La cella è un piccolo vano posto ai margini del giardino dell’ex convento delle monache benedettine di San Paolo. Sulle due pareti Alessandro Araldi (1460 circa - 1528), uno dei più attivi maestri nella Parma a cavallo tra il XV e il XVI secolo, prima dell’affermazione del grande Correggio, affrescò intorno al 1514 due scene della Vita di Santa Caterina d’Alessandria, e precisamente “La disputa di Caterina davanti all’imperatore Massimino” e “Santa Caterina e San Girolamo”. Lo stile dell’Araldi sembra qui tradire in man


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Collezione Borsari 1870 - Primo Museo Italiano della Profumeria

Il museo è unico nel suo genere. Le collezioni, di cui fanno parte gli strumenti di lavoro, le attrezzature per la distillazione delle essenze e i materiali concernenti i preparati e lo studio della loro immagine, testimoniano l'attività dell'azienda Borsari dal 1870, anno della fondazione, fino alla metà del 1900.La collezione, ospitata nell'edificio costruito negli anni '30 come sede degli uffici del retrostante stabilimento della Borsari ripercorre la storia dell'azienda che ha preso il nome dal suo fondatore, Lodovico. Fin dallo scadere dell'Ott


Vai alla scheda