Monte Sant'Angelo
B 13 °

Scopri i 6 luoghi da visitare a Monte Sant'Angelo

Ammira i luoghi più belli di Monte Sant'Angelo e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

ABBAZIA DI SANTA MARIA DI PULSANO

Edificata nel 591, sui resti di un antico tempio oracolare pagano dedicato a Calcante, fu affidata ai monaci dell'ordine di Sant'Equizio abate. Poco note sono le vicende storiche fino al XII secolo quando, nel 1129, l'intervento di San Giovanni da Matera e della sua Congregazione Pulsanense la fece risorgere dal grave stato di abbandono in cui versava, fondando l'ordine monastico autonomo dei poveri eremiti pulsanesi.
 Nel 1177 fu ultimata la costruzione della chiesa abbaziale dedicata alla Santa Madre di Dio, il cui altare, sotto il quale furono poste le spoglie di San Giovanni da Matera,


Vai alla scheda


AGGIUNGI

BATTISTERO MEDIOEVALE "TOMBA DI ROTARI"

Alla Tomba di Rotari, Battistero della Chiesa di San Pietro, si accede dal lato sinistro dell’abside della chiesa. Di pregevole fattura il portale, impreziosito da un bassorilievo raffigurante scene tratte dalle Sacre Scritture. Il Battistero, caratterizzato da una maestosa torre che termina con un tamburo di forma ottagonale, su cui è poggiata una cupola emisferica, comunica attraverso una porta con la Chiesa di Santa Maria Maggiore.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

CENTRO VISITATORI DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO

La Foresta Umbra vera e propria (5.500 ettari) è  il cuore dei complessi demaniali forestali del Gargano (10.330 ettari),  gioiello vegetale del Gargano e di tutta la regione pugliese. L'intero complesso costituisce un caso davvero esemplare di conservazione, gestione e attrezzatura per uso turistico d'un bene naturale. Nella Foresta Umbra la copertura arborea è  costituita in prevalenza da latifoglie, fra le quali dominano le querce, ma anche da pini d’Aleppo e faggeti. In località Dispensa, sulla destra della strada che dalla Foresta Umbra porta verso la costa, seguendo la Val


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Musei della Basilica Santuario San Michele Arcangelo

"Il Museo lapidario raccoglie materiali lapidei rinvenuti sia all’interno del santuario che in altri siti dell’area gravitante attorno al santuario. Il nucleo più consistente di materiali e l’avvio del lapidario stesso sono collegati in prima istanza con gli scavi effettuati alla metà degli anni Cinquanta del secolo scorso da mons. Nicola Quitadamo. Questi, condotti tra il 1949 e il 1955, hanno portato alla luce le strutture relative alle fasi più antiche del santuario. Gli interventi ebbero come fine immediato il restauro delle evidenze di età svevo-angioina e la creazione di strutture funzio


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari del Gargano Giovanni Tancredi

"Ispirato alle concezioni di Lamberto Loira, fondatore del’istituto di Etnoantropologia di Roma, il museo Tancredi nacque dalle collezioni che Giovanni Tancredi, ispirato dai metodi di insegnamenti montessoriani, utilizzavano per la didattica dell’istituto della casa dei Bambini, opera a carattere formativo, e che era localizzata nella sale del monastero di San Francesco, e che oggi ospita il museo. le collezioni, insieme alla fototeca Tancredi, vennero riorganizzate in una mostra espositiva che allestita in alcuni locali dell’amministrazione comunale, vede la prima sistemazione ad opera di Ca


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo Naturalistico della Foresta Umbra

La Foresta Umbra è il cuore verde del Parco Nazionale del Gargano. Estesa per oltre 10000 ettari, è caratterizzata da una flora impressionante tanto che in molti punti, anche di giorno, non batte il sole (da cui Umbra). La Foresta Umbra è composta, alle quote inferiori, da pinete che diventano boschi a prevalenza di Cerro, Roverella e Leccio. Alle quote superiori si estendono invece le Faggete (pure o composte). Sul versante verso Monte Sant’Angelo si trovano foreste di Tassi. La base logistica della Foresta Umbra è sita nel Centro Visitatori; qui si trovano il Museo Naturalistico, la ricostru


Vai alla scheda