Gorizia
B 7 °

Scopri i 13 luoghi da visitare a Gorizia

Ammira i luoghi più belli di Gorizia e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Archivio di Stato di Gorizia

L'Archivio di Stato di Gorizia, istituito con D.M. 1 agosto 1964, conserva in prevalenza fondi provenienti da uffici e magistrature con sede nella città e nel territorio. Di questi i più antichi risalgono alla seconda metà del sec. XVIII. Del breve periodo della dominazione francese, in cui Gorizia fece parte delle Province illiriche (1809-1813), restano solo poche carte. Con la restaurazione del dominio austriaco, Gorizia ebbe nuovi uffici amministrativi, i cui fondi, benché danneggiati dagli eventi della prima guerra mondiale, si conservano presso l'Archivio di Stato. Esistono inoltre gli ar


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Biblioteca Statale Isontina

Dal punto di vista storico - artistico Palazzo Werdenberg si colloca tra gli edifici di carattere monumentale. La sua storia si lega a quella dei Gesuiti, la cui presenza a Gorizia era stata chiesta, come in molti centri dell'impero asburgico (Graz, Lubiana), nello spirito e secondo norme e direttive del Concilio di Trento, soprattutto per curare l'istruzione della gioventù, in conseguenza alla grave crisi religiosa e spirituale che coinvolse in quel periodo il clero e la popolazione locale, non indifferenti al luteranesimo che si andava diffondendo in Europa.
Il loro insediame


Vai alla scheda


AGGIUNGI

CASTELLO DI GORIZIA - MUSEO DEL MEDIOEVO GORIZIANO

Il museo mostra un'interessante raccolta di beni storico-artistici e archeologici, che testimoniano la storia del castello quale dimora storica dei Conti di Gorizia, dalle origini della città al XVIII sec. Molto interessante anche la sezione didattica costituita da plastici, riproduzioni filologiche di macchine da guerra in scala 1:1, di armi bianche (dal 1271 al 1500) e strumenti musicali medioevali.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Chiesa di Sant'Ignazio

E' un edificio barocco eretto fra il 1654 e il 1723-1724, che fu consacrato solo nel 1767. Mentre la facciata è una sintesi di elementi austriaci e romani l'interno è di derivazione schiettamente romana e contiene tele e affreschi pregevoli.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

COLLEZIONE ARCHEOLOGICA

La collezione archeologica di Gorizia comprende reperti archeologici provenienti da diverse campagne di scavo condotte nel Goriziano fra la seconda metà dell'Ottocento e gli anni Settanta del Novecento.
Documenta l'evoluzione culturale del territorio dell'attuale provincia di Gorizia e della Valle dell'Isonzo e del Vipacco, dalla fine del Paleolitico all'età medioevale e rinascimentale.
La prima sala espone manufatti litici risalenti tra la fine del Paleolitico e la fine del Neolitico (450.000 - 3.000/2.500 a.C.).
La seconda sala ospita i reperti della Prot


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Duomo

Dedicato a Sant'Ilario di Aquileia e a San Taziano ed elevato al rango di cattedrale nel 1752, il Duomo è il principale edificio ecclesiastico di Gorizia. Deriva da una chiesetta, anch'essa intitolata ai due santi, eretta probabilmente a cavallo tra il XIII ed il XIV secolo e successivamente incorporata alla vicina cappella di Sant'Acazio.


Vai alla scheda


AGGIUNGI

FONDAZIONE PALAZZO CORONINI CRONBERG

Il palazzo Coronini Cronberg, divenuto sede dell'omonima Fondazione per volontà del suo ultimo proprietario, il conte Guglielmo Coronini Cronberg (1905-1990), è una dimora storica risalente alla fine del Cinquecento. Passeggiando attraverso le quindici sale che compongono il percorso museale, tra cui la stanza dove nel 1836 soggiornò e morì l'ultimo re di Francia Carlo X di Borbone, il visitatore è trasportato d'incanto indietro nel tempo, grazie all'atmosfera calda e suggestiva delle sale con arredi cinque e seicenteschi del piano terra, ai s


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Galleria d'Arte "Mario Di Iorio"

Intensa è l'attività espositiva nella Galleria d'Arte "Mario Di Iorio", ricavata nei sotterranei della Biblioteca.
Pittori, scultori, incisori e fotografi della regione espongono la loro produzione, offrendo al visitatore occasionale e all'utenza abituale della Biblioteca un piacevole e ormai consueto diversivo, oltre che una significativa testimonianza dell'attività artistica regionale.


Vai alla scheda