Ugento
4 9 °

Scopri i 3 luoghi da visitare a Ugento

Ammira i luoghi più belli di Ugento e aggiungili al tuo itinerario. YAMGU creerà il tuo viaggio ideale considerando distanze, orari di apertura e meteo.


AGGIUNGI

Museo Civico_Ugento

"Il Museo della città di Ugento fu costituito il 13 agosto 1966 con atto deliberativo del Consiglio Comunale, per accogliere i numerosi reperti rivenienti dalla città di Ugento e dal suo vasto territorio. Venne istituito con decreto dell’allora Presidente della Repubblica On. le Giuseppe Saragat, su petizione del Sindaco Francesco Corvaglia, ed inaugurato nell’ottobre 1968 con la denominazione: Museo Civico di Archeologia e Paleontologia. Fin dalla sua nascita il museo ha trovato sede nelle sale dell’ex convento dei Frati Minori Osservanti, addossato alla chiesa di Sant’Antonio, nel centro sto


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo Colosso

La Collezione Colosso, conservata ad Ugento, all’interno del Palazzo Colosso, è una delle poche collezioni storiche della regione Puglia, formatasi con materiali rinvenuti ad Ugento e nel suo territorio nel secolo XIX. La raccolta, iniziata dal Barone Adolfo Colosso, “appassionato cultore di storia patria”, viene ricordata dagli scrittori locali come sempre esistente al piano terra dell’omonimo Palazzo, “gelosamente custodita dai figli Luigi e Massimo Colosso”. I reperti, 794 in tutto, si inquadrano complessivamente tra il VI secolo a. C. e l’età altomedievale. Ad essi si aggiungono esemplari


Vai alla scheda


AGGIUNGI

Museo diocesano di Ugento

Il museo diocesano di Ugento - S. M. di Leuca, fortemente voluto dal Vescovo della Diocesi Mons. Vito De Grisantis, è stato inaugurato il 6 luglio del 2005 ed è allestito in un edificio ubicato nella parte sottostante della Cattedrale, che un tempo fungeva da luogo di sepoltura per il clero e per la cittadinanza. Oggi la struttura è stata restituita al pubblico dopo un lungo e curato intervento di ripristino e restauro valorizzando tutto l’aspetto architettonico. Nel museo sono esposte opere provenienti dalla Cattedrale cui si aggiungono quelle provenienti dalle chiese della Diocesi


Vai alla scheda